Goodyear AERO, pneumatico per le auto volanti

Le auto del futuro voleranno? Non lo sappiamo, però Goodyear ha già preparato quelli che potranno essere i loro pneumatici.

5 marzo 2019 - 21:32

Uno scherzo? Neanche troppo… Il conceptt che Goodyear ha presentato al Salone Internazionale dell’Auto di Ginevra 2019 è uno pneumatico due-in-uno, progettato per le auto volanti e a guida autonoma del futuro, che funziona sia come pneumatico per la guida su strada che come “elica” per volare in cielo.
Sempre di più, le aziende guardano al cielo per affrontare le sfide del trasporto e del traffico urbano – è l’assioma da cui è nata l’idea di Goodyear -, ragion per cui il lavoro sulla struttura dei pneumatici e sui materiali più all’avanguardia ha portato gli ingegneri a immaginare una ruota che potesse servire come pneumatico tradizionale su strada e come sistema di propulsione in cielo.

IL FUTURO È GIÀ QUI

Se AERO è un progetto meramente concettuale, alcune delle sue tecnologie, come la struttura non pneumatica e il potenziale del pneumatico intelligente, sono elementi che Goodyear sta già testando e sviluppando:
Design multimodale: AERO è un concept multimodale con rotore inclinabile, ispirato ai convertiplani. Nel suo orientamento tradizionale agirebbe come trasmissione per trasferire e assorbire le forze dalla e alla strada; mentre con un altro orientamento funzionerebbe come sistema di propulsione aereo per dare la spinta di sollevamento al mezzo.
Struttura non pneumatica: le razze offrono un supporto per sostenere il peso del veicolo e agiscono come le pale di un’elica per sollevare il mezzo. La speciale struttura non pneumatica è abbastanza flessibile da ammortizzare gli urti nella guida su strada e abbastanza resistente da ruotare alla velocità necessaria ai rotori per creare il sollevamento verticale.
Propulsione magnetica: è pensato per utilizzare la forza magnetica per fornire una propulsione senza attrito. Ciò permetterebbe di raggiungere le elevate velocità di rotazione necessarie per guidare il veicolo su terra e, quando la ruota è inclinata, solleverebbe il veicolo in aria spingendolo in avanti.
Sensori ottici: contiene sensori luminosi a fibra ottica per monitorare le condizioni stradali, nonché l’usura e l’integrità strutturale dello pneumatico.
Intelligenza artificiale: integra un processore di intelligenza artificiale, che associa le informazioni ricevute dal sensore del pneumatico con i dati derivanti dalla comunicazione tra i veicoli e tra veicolo e infrastruttura. Il processore AI analizza questi flussi di dati per consigliare al veicolo delle azioni appropriate, per adattarsi alla modalità di volo o di guida e per individuare e risolvere potenziali problemi legati agli pneumatici.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto economiche? Ecco le migliori

ferrari_f355_berlinetta gialla + Ferrari F1 anni 90

Youngtimer – Ferrari F355 Berlinetta, bentornato Cavallino

Peugeot 3008 GT Hybrid4 e 508 Hybrid
arrivano le ibride plug-in