Exploro, il Gravel secondo 3T

La prima volta di 3T non è con un telaio "normale" come ci si poteva aspettare, ma con un prodotto espressamente disegnato per il Gravel. Tante soluzioni tecnologiche e un prezzo elitario, da 3.000 a 4.200 euro.

Pubblicato martedì 14 giugno 2016 · da

Ancora freschi e carichi dagli sterrati della Gravel Road Challenge, ci capita questo fulmine a ciel sereno… Dopo avere fatto acquisti in Germania, assicurandosi l’esoterica THM Carbones (factory specializzata in componentistica di altissima gamma in fibra di carbonio), 3T sforna “Exploro”, il primo telaio della sua storia. Non un telaio qualunque, ma un prodotto espressamente dedicato al mondo gravel. Un gioiellino appresso al quale in realtà stava già lavorando da tempo e che, dietro un approccio assai semplice, racchiude soluzioni raffinate e tanta tecnologia. La riflessione, disarmante nel suo essere scontata, è che una bicicletta gravel deve essere disegnata per andare veloce a basse velocità ed essere aerodinamica anche piena di fango e con due borracce…

Da questo approccio è nato il concetto Sqaero (acronimo di square e aero), che abbina le qualità di entrambi i disegni, ossia rigidità, robustezza e leggerezza con aerodinamicità e velocità. Perfezionato con un anno di prove nel Low Speed Wind Tunnel (una sorta di galleria del vento a basse velocità) di San Diego, il telaio Sqaero 50/25 è un monoscocca in fibra di carbonio, caratterizzato da profilo e dimensioni inusuali: sulla Exploro il down tube è da 50 mm, dimensione commisurata alle maggiori sezioni delle gomme, in grado di deviare i flussi di aria sul profilo delle borracce per chiudersi oltre il tubo sella, da 25 mm, sulla ruota posteriore. Anche il tubo sterzo, il cannotto sella e i foderi obliqui condividono il profilo Sqaero mentre i foderi bassi hanno una sezione tradizionale ma un disegno asimmetrico, che permette di contenere la lunghezza del carro in soli 415 mm ed è compatibile con lo standard GravelPlus, ossia può ospitare gomme road da 700c, gomme gravel/ciclocross da 700c con sezione fino a 40 mm e gomme mountain/road da 650b con sezione fino a 2,1″, mantenendo il medesimo ingombro. Nello specifico, l’abbinamento consigliato da 3T è con le sue ruote Discus da 700c e Discus Plus da 650b.
3TExploro_2016_17Se sulla carta sembra tutto molto intrigante, sappiate che nel mondo reale le cose diventano ancora più interessanti, visto che gli uomini 3T promettono un risparmio di 7 Watt a 20 miglia orarie (32 km/h) o 24 Watt a 30 miglia orarie (48 km/h), rispetto a un telaio con tubi a sezione tonda della stessa misura e con la medesima geometria, in tutte le condizioni, sporco o pulito, con gomme road o gravel o mtb, con o senza borracce… caratteristica che in 3T hanno addirittura registrato con un marchio, RealFast.
Il passaggio cavi è interno e, a seconda del tipo di trasmissione scelto (Di2, eTap, meccanica, 1x o 2x), si abbina uno dei guida-cavi specifici, forniti con il kit. Per il freno a disco posteriore è previsto l’attacco post-mount per rotori da 160 mm mentre, sul lato opposto, troviamo il forcellino del cambio amovibile, soluzione scelta per facilitare le fasi di montaggio/smontaggio della ruota. Entrambi i perni sono passanti, da 12 mm dietro e 15 mm all’anteriore e la scatola movimento è un classico BB386Evo.

DCIM100GOPROG0031059.

Le qualità aerodinamiche di un telaio sono ben accette, ovvio, ma se vi si abbina anche una posizione in sella efficace ed efficiente è ancora meglio. La geometria della Exploro è realizzata proprio per questo, per garantire una pedalata aggressiva ma confortevole, con una combinazione di angolo sterzo/trail tale da offrire maneggevolezza e precisione sia on, sia off-road.
Sono stati previsti alcuni accorgimenti raffinati come gli attacchi sul toptube compatibili con le bento box da triathlon o le borse X-Lab, Dark Speed e Apidura; vi è la possibilità di scegliere fra due configurazioni di montaggio dei portaborraccia, ossia due sui tubi verticale e obliquo oppure uno solo, fissato più in basso, sul tubo obliquo.
La compatibilità con la guarnitura prevede un massimo di 36/50 denti nel caso di doppia corona e 46 o 50 denti nel caso di corona singola offset o flat.
3TExploro_2016_01La Exploro è disponibile solo come kit, comprendente telaio, forcella e reggisella, declinato in due versioni, LTD e Team, che differiscono per la forcella, il peso (950 g la prima e 1.150 g la seconda), il prezzo (4.200 euro contro 3.000 euro) e il colore (Stealth Black e Racing White).

Per info e schede tecniche

Articoli correlati

Continua...

Shimano S-Phyre, ogni Watt è prezioso

Dopo la linea di scarpe presentate lo scorso anno, ecco arrivare tutto ciò che ci vuole per completare il look: maglie,...
15 gennaio 2017
Continua...

Nuova Pinarello Dogma F10

Sarà la regina del catalogo Pinarello e il cavallo di battaglia degli atleti del Team Sky.
13 gennaio 2017
Continua...

Pedala a ritmo di musica

Arriva una nuova collezione di indumenti, in edizione limitata, per gli appassionati di ciclismo.
09 gennaio 2017
Continua...

Ecco le nuove assistite Thok, MIG e MIG-R

Bruciate in poco tempo le 20 limited edition con cui il marchio italiano si è presentato al mondo, sono ora disponibili...
22 dicembre 2016