DucatiMultistrada1200Enduro-052

Prova Ducati Multistrada 1200 Enduro

È la Multi più Multi di sempre. Una ammiraglia che punta il mirino dritto verso le moto Adventure, mantenendo intatto il DNA di Borgo Panigale. Grande comfort, dotazioni al top, e se la portate in fuoristrada… Sarà pronta per viaggiare senza limiti? Ve lo diciamo in questa prova

Pubblicato martedì 15 marzo 2016 · da
LIVE RIDE

È un botta e risposta continuo. Se BMW lo scorso anno ha “invaso” il terreno della Multistrada con la S1000XR, quest’anno tocca a Ducati andare a disturbare la concorrenza con la moto più “adventure” mai uscita dagli stabilimenti bolognesi. Un lavoro che certifica (se ancora ce ne fosse bisogno) come Multistrada e GS, pur essendo parte di uno stesso grande segmento, non sono mai state concorrenti dirette. Prova ne è che l’arrivo della “Multi” ha allargato il mercato, portando altri clienti al mondo crossover, mentre la GS continuava imperterrita ad aumentare le vendite. Troppo differenti le caratteristiche dei due modelli, a partire dal diametro delle ruote. Infatti su RED non le abbiamo mai messe una contro l’altra.

DucatiMultistrada1200Enduro-036Ora invece ci toccherà farlo (e lo faremo con grande gusto) perché in Ducati hanno sfornato una moto che punta dritto il mirino, non tanto sulla GS ma addirittura sulla sorella più avventurosa, la R 1200 GS Adventure e pure sulla KTM 1290 Super Adventure. Le super, top, extra, mega, iper, enduro da viaggio… Ma come hanno fatto a trasformare la Multistrada che è una stradale “pura” in una maxi enduro fatta e finita? Semplice hanno creato una moto inedita, che della attuale Multi mantiene praticamente solo nome, motore, telaio e poco, pochissimo, altro.

Come la famosa pubblicità di una grappa, in Ducati hanno preso una Multistrada, le hanno tagliato la testa, la coda e hanno tenuto solo il cuore, il bicilindrico Testastretta DVT da 160 cv e 136 Nm di coppia circondato dal telaio a traliccio. Attorno a questo blocco hanno costruito un modello che pur mantenendo un indubbio family feeling con la Multistrada attuale è totalmente diverso, nuovo in tutto e per tutto. E, secondo me, il risultato è eclatante: la Multistrada Enduro è anche più bella, più bilanciata nel look.

DucatiTestastrettaDVT-001Il motore è il già noto Testastretta DVT da 1200 cc, e porta con sé tutto il ricchissimo corredo elettronico che abbiamo imparato a conoscere sulla Multistrada lanciata lo scorso anno. Anche la Ducati Multistrada 1200 Enduro sfrutta, infatti, i servigi della IMU, la piattaforma inerziale (made in Bosch) che “legge” la posizione della moto nello spazio e regola di conseguenza i controlli elettronici, tutti ovviamente evoluti e adattati al differente utilizzo che la nuova Multistrada Enduro propone: dal Traction Control (8 livelli) all’Anti Wheelie (8 livelli), dalle sospensioni semi attive Skyhook fino all’ABS Cornering per arrivare alle Cornering Lights. Quattro i Riding Mode (Touring, Sport, Urban, Enduro), gli ultimi due con potenza di 100 cv e tutti “rimappati” ad hoc per la nuova moto. Tra le novità l’arrivo del VHC (Vehicle Hold Control) che aiuta nelle partenze in salita e la rapportatura differente, con una prima marcia (da 37/15 a 38/14) e trasmissione finale accorciate con tre denti in più di corona (da 40 a 43) per migliorare la gestione su sterrato a bassissima velocità e non solo.

DucatiMultistrada1200Enduro-038Il contorno è, come detto, del tutto inedito: ruota a raggi anteriore da 19 pollici a parte, sono anche le misure a cambiare. Il cannotto di sterzo si apre di un grado (ora 21°), l’avancorsa aumenta di 4 mm (ora 110 mm) e l’interasse aumenta addirittura di 65 mm arrivando alla ragguardevole misura di 1.594 mm (KTM Super Adventure 1.560, BMW R 1200 GS Adventure 1.510). Crescono le escursioni delle sospensioni (ora 200 mm, la forcella ha addirittura il perno avanzato come le fuoristrada DOC) e di conseguenza la luce a terra, che aumenta di 31 mm per un totale di 250 mm. E rispetto alla Multistrada “standard” cresce anche il peso che ora si attesta sui 254 kg in ordine di marcia. Se avventura deve essere l’autonomia non può deludere: i tecnici Ducati si sono dati da fare per accontentare i globetrotter più incalliti con un serbatoio da ben 30 litri (ecco perché ho detto che punta il mirino sulla GS Adventure) che assicura di poter guidare per 450 km prima di fermarsi a fare rifornimento.

Tante le attenzioni dedicate a chi ama la guida off road, o più semplicemente i viaggi-avventura. Ducati ha preso molto sul serio l’argomento macinando decine di migliaia di test estenuanti nelle condizioni più critiche la Multi non vuole essere solo un’avventuriera immaginaria, vuole esserlo sul serio: il manubrio è più alto di 50 mm, la sella è stata rivista, più snella nella zona di passaggio delle gambe in modo da aiutare nei movimenti (tre altezze: 870 mm standard, 850 e 890); le pedane sono in acciaio con gommini asportabili, la leva del cambio snodata per non rompersi in caso di urto e sotto al motore c’è un robusto paracoppa in alluminio fissato direttamente al telaio. Inoltre le ruote sono tassellabili (con le nuove Pirelli Scorpion Rally omologate in codice T quindi fino a 190 km/h), visto che la sezione del pneumatico posteriore è da 170/60, più snello rispetto a quello montato sulla Multistrada “stradale”. La trasmissione finale a catena è una scelta che a qualcuno potrà non piacere (in questo segmento gli estimatori del cardano sono molti) ma che assicura leggerezza e ottima affidabilità con ormai un minimo di manutenzione. Del resto se si parte per il giro del mondo con un paio di maglie ce la si può cavare ovunque, se si rompe un cardano invece… I viaggiatori incalliti apprezzeranno anche il cruise control (di serie) e il cavalletto centrale, tutti quelli che la vorranno comprare dovranno essere pronti a staccare un assegno che parte da 21.000 euro a crescere secondo il “pack” scelto.

Articoli correlati

Continua...KTM1290SuperAdventure-006

Prova KTM 1290 Super Adventure

È davvero Super l’Adventure 1290: non perde la sportività tipica di KTM (anzi..) e guadagna comfort, tecnologia, e perfino...
01 febbraio 2015
Continua...BMWR1200GSADVENTURECOVER20140001

Prova BMW R 1200 GS Adventure 2014

Dopo aver rivoluzionato la R 1200 GS lo scorso anno, BMW mette mano anche all’Adventure.
30 gennaio 2014
Continua...BMWGSMonaco-Cover

BMW R 1200 GS 2013 – Dall’alba al tramonto

1.050 km in un giorno equamente divisi tra la GS 2012 e la 2013.
19 giugno 2013
Continua...KTM1190AdventureRCover1

Prova KTM 1190 Adventure R

La KTM 1190 Adventure R è la migliore interprete del mondo offroad bicilindrico.
28 aprile 2013