Alfa Romeo Stelvio 6C Villa d’Este e GT Junior, le “specialissime”

Alfa Romeo celebra la propria storia con due serie limitate, che rappresentano però anche un ponte verso il futuro

Alfa Romeo Stelvio GT Junior

Gli alfisti “DOC” la amano in modo viscerale e incondizionato: quando viene lanciata, nei favolosi anni Sessanta, l’Alfa Romeo GT 1300 Junior rappresenta la porta d’ingresso al mondo del Biscione. Fino ad allora, infatti, il marchio era appannaggio di pochi eletti. Per rappresentare il cambiamento di approccio e per rivolgersi al nuovo pubblico, più giovane, con il linguaggio più adatto, la GT 1300 Junior viene presentata in color Giallo Ocra. Giallo Ocra – Ocra Lipari – è la tinta dell’allestimento GT Junior della Stelvio.

Un’Alfa Romeo è per tutti. O quasi

Prima di scendere nei dettagli, i manager di Alfa Romeo tengono a sottolineare l’attitude della Stelvio GT Junior; l’attitude di questa versione si definisce con queste due parole: inclusività sportiva. Tradotto, è il desiderio di Alfa Romeo di rimanere un marchio, se non per tutti, comunque per molti; con il piacere di guida e le prestazioni come principi ispiratori. Per rimanere all’interno di questo perimetro, la GT Junior è realizzata a partire dall’allestimento Veloce, arricchito con i cerchi in lega leggera da 21” a cinque fori.

Il motore è lo stesso 2.2 turbodiesel da 210 CV della versione 6C Villa d’Este, quindi abbinato al cambio automatico a 8 rapporti e alla trazione integrale. Dentro, l’ambiente è contraddistinto dai sedili in pelle regolabili elettricamente con ricamo “GT Junior” sui poggiatesta anteriori e cuciture specifiche. La plancia è caratterizzata da un ricamo e da una silhouette della GT 1300 Junior degli anni 60. Il prezzo? 72.750 euro.