Audi RS Q3

Una prima per i SUV Audi, la sigla RS arriva anche sulla Q3. Più bassa e cattiva monta il 2.5 l turbo della RS3. La potenza schizza a 310 cv

C’è sempre una prima volta e se parliamo di casa Audi la prima volta riguarda la sigla RS su un SUV. Fino a oggi, infatti, le RS di Ingolstadt erano tutte berline o station wagon, ma ora la famiglia si allarga e la prima auto su cui la sigla RS “sconfina” è la SUV compatta Q3.

Ovviamente RS è sinonimo di grandi prestazioni; la Audi Q3 RS, nello specifico, non scherza, sotto il cofano troverete infatti  il cinque cilindri derivato dal 2.5 che equipaggia la RS3 ed è capace di ben 310 cv con una coppia di 420 Nm disponibile dai 1.500 e 6.200 giri. Il tutto si traduce in 5.5 secondi nello 0-100 e nei soliti 250 all’ora autolimitati di velocità massima. Parlare di consumi pare quasi superfluo visto l’oggetto comunque Audi dichiara 8,8 l/100 km e 206 g/km di CO2.

Come da tradizione Audi, anche la Q3 RS conquista uno sguardo più truce e, in generale, un aspetto più aggressivo anche se come da tradizione Audi, non esagera con gli orpelli. L’assetto si abbassa di 25 mm, i cerchi sono da 19 pollici (optional 20 pollici), e i freni sono maggiorati sfruttano dischi autoventilati di 365 mm con pinze a 8 pistoncini. Inoltre il servosterzo (elettromeccanico) ha una taratura dedicata. La riconoscerete inoltre per i paraurti specifici, le prese d'aria maggiorate, barre sul tetto in alluminio satinato, spoiler posteriore, terminale di scarico singolo ellittico.

Sportività anche all’interno con sedili avvolgenti e rivestimenti in pelle e una strumentazione specifica che tra le altre offre anche indicazioni su pressione di sovralimentazione e temperatura olio. Se vorrete personalizzare la vostra Q3 RS potrete scegliere i pacchetti Black e Matt Alluminum abbinati a otto colori della carrozzeria. Di serie invece troverete loghi dedicati, pedaliera sportiva in alluminio, sedili sportivi in pelle e Alcantara, impianto audio con 10 diffusori. Debutto previsto al Salone di Ginevra 2013.