Audi sul tetto del mondo

Il binomio tra Audi e gli sport invernali si rinnova dopo la consegna delle auto agli atleti della Federazione Italiana Sport Invernali con l’inaugurazione di una spettacolare pista da sci a Madonna di Campiglio

26 febbraio 2014 - 9:02

Che Audi avesse scelto Madonna di Campiglio come propria seconda “casa”, era ormai chiaro a tutti: attività e iniziative dedicate dal brand di Ingolstadt al territorio sono sempre più numerose e, sempre più spesso, legate allo sport. La pista Tulot, non a caso, è una delle più apprezzate dagli sciatori esperti, con la sua pendenza da brivido (quasi 69%) e grazie al panorama che le fa da cornice. Non a caso Audi ha scelto proprio questa pista per dare vita a uno spettacolo pirotecnico, la cui protagonista assoluta è stata la Audi RS 4 Avant: una suggestiva fiaccolata e una dimostrazione di guida sulla neve hanno catturato l’attenzione del pubblico presente la serata di sabato 22 febbraio scorso.

Il nuovo nome della pista è stato votato dagli appassionati del marchio e dello sport, che hanno potuto scegliere a preferenza fra una serie di alternative, sul sito Audi Experience. Peraltro, proprio in questo periodo Audi sta offrendo la possibilità di effettuare i test drive della gamma anche sulla neve, oltre che sull’asfalto: ulteriore testimonianza, se ce ne fosse bisogno, dell’alchimia che si è ormai creata fra Audi e tutto ciò che riguarda la stagione invernale.

“La nostra presenza sul territorio è frutto di una comune intuizione e di una forte sintonia con le realtà locali. Non si tratta di eventi fini a se stessi, ma che fanno parte di un percorso di comunicazione che ci offre l’opportunità di entrare in contatto con i nostri clienti e con gli appassionati”, ha dichiarato Fabrizio Longo, Direttore Audi Italia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mitsubishi New Gen L200, prezzi da 24.836 euro

porsche taycan bianca e blu

Auto elettriche, aumenta l’offerta, calano i costi

Nissan Leaf bianca in ricarica

L’auto elettrica piace di più agli uomini che alle donne