Cadillac XT5: americana in trasferta

La crossover a stelle e strisce adotta un V6 3.6 a benzina da 314 cv abbinato alle 4WD e a un cambio automatico a 8 marce. Erede di SRX, può contare su di una piattaforma alleggerita rispetto al passato e una generosa capacità di carico. Prezzi da 48.800 euro.

8 luglio 2016 - 18:07

Erede della crossover SRX, la nuova Cadillac XT5 debutta in Europa con una motorizzazione che… di europeo ha poco o nulla! Sotto il cofano della SUV a stelle e strisce pulsa infatti un V6 3.6 a benzina da 314 cv e 368 Nm di coppia, unico propulsore previsto.

Declinata in tre allestimenti con prezzi da 48.800 a 66.800 euro, XT5 si avvale della trazione integrale permanente, analogamente alla vecchia SRX, e di un cambio automatico a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia. Elemento di pregio rispetto al passato è l’adozione di una nuova piattaforma, mediamente più leggera di 70 kg, che porta in dote uno schematismo delle sospensioni McPherson all’avantreno e multilink al retrotreno – lo stato dell’arte per una crossover dalla vocazione prettamente stradale – oltre a una crescita di 50 mm dell’interasse, a tutto vantaggio dell’abitabilità posteriore.

Tutte le versioni possono contare su cerchi in lega da 20 pollici, mentre i livelli d’allestimento più ricchi, denominati Premium e Platinum, prevedono di serie anche le sospensioni adattive a controllo elettronico. A fronte di una lunghezza complessiva della vettura di 4,85 metri, il bagagliaio ha una capienza di 850 litri con cinque persone a bordo. Un valore tra i migliori della categoria. Basti pensare, in proposito, come una SUV premium d’analoghe dimensioni quale BMW X5 non faccia meglio di 650 litri. Quanto all’abitacolo, l’elemento di maggiore spicco è il display da 8 pollici del sistema d’infotainment che garantisce la connessione 4G con hotspot Wi-Fi facente parte del pacchetto di servizi multimediali OnStar, caratteristico delle vetture del Gruppo GM.

Concreta sì, ma con un tocco hi-tech. Il retrovisore centrale, infatti, anziché un classico specchietto prevede un display digitale che proietta le immagini registrate da una telecamera, così da garantire la massima visibilità in ogni condizione, mentre la dotazione di sicurezza include la frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni, il cruise control adattivo e l’assistenza al parcheggio. Riuscirà la nuova XT5 a far breccia nel cuore degli automobilisti europei? Magari, se avesse un propulsore un po’ meno yankee…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Ford Mustang Mach-E, la muscle car diventa (anche) elettrica e SUV

Auto elettrica, il futuro è incerto

Youngtimer – Audi 80, come si diventa premium