Datsun, il ritorno dopo 29 anni

Il marchio nipponico, silente dal 1983 (quando fu inglobato in Nissan) ritorna: sarà sul cofano di vetture riservate ai mercati emergenti di India, Indonesia e Russia

21 marzo 2012 - 14:03

Torna il marchio Datsun: nelle parole di Carlos Ghosn, Amministratore Delegato di Renault e Nissan, “Saranno vetture dal prezzo contenuto, eco-compatibili, di piccola cilindrata e a diffusione locale: saranno automobili convenienti”.

In nome della globalizzazione, vengono svelati i mercati di sbocco per il marchio, riesumato dopo 29 anni di oblio (fu incorporato da Nissan nel 1983): India, Indonesia e Russia. Paesi che fanno della forte crescita il proprio caposaldo: più che emergenti, ormai a un passo dall’essere già emersi.

Il piano industrale prevede un investimento immediato di 395 milioni di dollari (più di 300 milioni di euro) destinati ad ampliare e rinnovare lo stabilimento indonesiano di Cikampek. Entro il 2014, dovrebbe raddoppiare il personale e lo stabilimento arrivare a una capacità produttiva di 250.000 auto. Datsun, quindi, con il proprio marchio sarà l’ultimo tassello (per ora…) di tris oggi composto da Renault, Nissan e Infiniti (l’alto di gamma Nissan).

Nato nel 1931, il marchio Datsun è – per la prima parte – l’acronimo dei tre soci fondatori Kenjiro Den, Rokuro Aoyama e Meitaro Takeuch. La seconda, sun, è  una correzione. Inizialmente, infatti, il nome previsto era “Datson”. Con son a rappresentare, in lingua nipponica, il concetto di piccolo (come il veicolo che si intendeva costruire). Ma, ahimé, anche di perdente. Il che, per un’iniziativa imprenditoriale, non è un buon viatico. Per evitare equivoci, si decise di ricorrere a un più univoco Datsun.

Che, a ben vedere, negli anni proprio perdente non è stato, specie in terra d’Africa: le vetture della Casa giapponese, infatti, si sono aggiudicate nove prove del Mondiale Rally, dall’Acropoli fino al Nuova Zelanda e al Costa d’Avorio. Ma è nel massacrante Safari che le Datsun si sono distinte particolarmente: nel 1970 e nel 1971 vinse il kenyano Herrmann prima sulla 1600 SSS e poi sulla 240Z, e nel 1973 iniziò il dominio di Shekhar Metha, vincitore sulla 240Z.

Il rallysta africano si ripeté dal 1979 al 1982: prima con la 160J e poi con la Violet GT. Quest’ultima, nel pokerissimo di Metha, aveva già mutato il nome da Datsun a Nissan. Prodromo di ciò che sarebbe successo di lì a un anno al marchio. E antesignano di ciò che sarebbe poi stato a quasi trent’anni di distanza.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Audi S5 TDI
La sua prima volta

Hyundai, idrogeno anche per la mobilità “pesante”

Peugeot 3008
Le Fiamme Gialle guidano francese