Ferrari F8 Tributo, 720 cv per accendere Ginevra

La rossa di serie con il V8 più potente di sempre nasce da una costola della 488 GTB. Per uno 0-100 da 2,9 secondi e una punta massima di 340 km/h

28 febbraio 2019 - 14:52

V8 a 90°, 3.9 litri, due turbo, 720 cv a 8.000 giri. Per chi non mastica troppo di matematica, ciò significa che la Ferrari F8 Tributo, destinata a sostituire sul palcoscenico di Ginevra la 488 GTB, esprime una potenza specifica di ben 185 cv/l. A completamento della scheda tecnica ci sarebbero anche i 770 Nm a 3.250 giri, ma tutto sommato colpiscono di più le prestazioni: 340 km/h di punta, “0-100” archiviato in 2,9 secondi. Anche grazie ai 1.330 kg a secco, 40 in meno rispetto al modello dal quale deriva, la 488 GTB.

Elettronica al vostro servizio

A questo punto si potrebbe anche terminare qui il pezzo e rimandarvi a un generico “la vedremo a Ginevra”. Però, c’è tanto altro da raccontare. Ad esempio, sulla Ferrari F8 Tributo c’è un’elettronica che si mette letteralmente al servizio del pilota, con il Ferrari Dynamic Enhancer che per la prima volta è attivo anche quando il manettino sul volante (di diametro ridotto, precisano a Maranello) è impostato su Race.

Le corse insegnano ancora

La massima prestazione è come sempre il filo conduttore anche nel design: il Centro Stile ha integrato nella linea della F8 Tributo nuove soluzioni per gestire al meglio il calore del V8, come i radiatori inclinati verso il posteriore e le prese dinamiche di aspirazione ora sulla parte laterale dello spoiler (prima erano sulla fiancata). Il frontale, grazie alla presa d’aria S-Duct – mutuata dalla 488 Pista – regala il 15% di carico aerodinamico in più rispetto alla GTB.

Citazioni famose

Persino i nuovi proiettori a LED della F8 Tributo sono funzionali all’aria che deve accarezzarli, perché hanno consentito di ricavare nuove prese per il raffreddamento dei freni: in questo modo non è stato necessario adottare dischi più generosi per far fronte alle aumentate prestazioni. Dietro, invece, l’ispirazione arriva da due icone Ferrari: la F40, con il lunotto in Lexan che lascia in bella mostra il V8, e il doppio fanale, citazione della 308 GTB, la prima della stirpe. Dentro, spazio a una interfaccia di comando rivista e a nuove forme, touchscreen da 7” davanti al passeggero incluso.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Traffic Sign Recognition: come funziona?

Ferrari P80/C, la one-off da competizione

RED300, ep. 25