Dopo il 4 Luglio del 1957, il mondo automobilistico non fu più lo stesso. Da una geniale intuizione di Vittorio Valletta e Dante Giacosa nacque infatti la Fiat 500, utilitaria piccola, leggera, poco costosa da comprare e mantenere. Un anno dopo – visto anche il migliorato tenore di vita delle famiglie italiane – a Torino si permisero il lusso di fare uscire la versione a cielo aperto, la Jolly. Che, oggi, rivive nella Fiat 500 Spiaggina 58′.

Fiat 500 Spiaggina '58 3/4 anteriore

Design vintage

Creata in 1.958 esemplari per omaggiare i 60 anni dalla prima versione cabriolet, la Fiat 500 Spiaggina ’58 non poteva che essere disponibile solo nella versione senza tetto. E solo in una tinta particolarmente evocativa: quell’Azzurro Volare (… nel blu dipinto di blu, per dirla alla Modugno) che fa da perfetto contrasto alla capote bianca e ai fregi cromati – perfino sugli specchi retrovisori – che impreziosiscono la vettura. Così come i cerchi in lega da 16″, dal disegno irresistibilmente vintage.

Fiat 500 Spiaggina '58 stemma vintage

Sapore di mare

Sulla stessa falsariga i loghi, che riprendono i vecchi stemmi della “Fabbrica Italiana Automobili Torino” e la denominazione modello, in un elegante e cromato corsivo. Rivisto in chiave “Dolce Vita” anche l’abitacolo della Fiat 500 Spiaggina ’58, che conquista sedili in tessuto avorio bicolore, logo vintage sul volante, fascia centrale della plancia in Azzurro Volare e tappetini creati apposta per questa versione speciale.

Fiat 500 Spiaggina '58 interni

Tecnologicamente dotata

Il generoso schermo touch in plancia indica che la Fiat 500 Spiaggina ’58 è dotata del sistema multimediale Uconnect HD Live da 7″, compatibile con Android Auto e Apple CarPlay e arricchito con navigatore TomTom e radio DAB. Ma non mancano nemmeno i sensori parcheggio posteriori e il clima automatico. Già disponibile, la Spiaggina ’58 è mossa dallo storico quattro cilindri 1.2 a benzina da 69 cv, messo recentemente in regola con la normativa Euro6D.