Ford Focus MY14: nel segno del 1.5

Il restyling della media dell’Ovale porta in dote due nuovi quadricilindrici 1.5 turbo a iniezione diretta: EcoBoost da 150 o 180 cv e TDCi da 95 o 120 cv. Ora è possibile gestire vocalmente anche navigatore e climatizzatore. Decisamente curato il reparto sicurezza

25 febbraio 2014 - 10:02

Nuova? Quasi. Come prima? Non del tutto. Ford Focus MY14 beneficia di un sostanzioso restyling in vista del Salone di Ginevra. Rinnovamento che coinvolge non solo l’aspetto estetico, ispirato alle linee delle più recenti Fiesta e Mondeo, ma anche meccanica e infotainment.

Contenere emissioni inquinanti e spese carburante: il mantra dei costruttori. Ford promette, grazie ai propulsori portati in dote da Focus MY14, di ridurre i consumi medi sia di benzina (-17%) sia di gasolio (-19%). Un obiettivo ambizioso affidato principalmente ai nuovi 4 cilindri in linea di 1,5 litri EcoBoost e TDCi. Il primo, derivato dal noto 1.6 appartenente alla medesima “famiglia” di motori e caratterizzato sia dall’iniezione diretta della benzina sia dalla sovralimentazione mediante turbocompressore, proposto negli step da 150 e 180 cv. Il secondo, forte del sistema common rail d’ultima generazione, accreditato di 95 o 120 cv. Novità anche per il pluripremiato tricilindrico 1.0 EcoBoost, evoluto in versione “green” così da consentire a Focus d’emettere solamente 99 g/km di CO2.

Non di soli propulsori si vive. Pur mantenendo inalterato lo schematismo delle sospensioni McPherson all’avantreno e multilink al retrotreno, l’adozione di boccole rinforzate e ammortizzatori anteriori meno cedevoli promette un miglioramento della rapidità in inserimento di curva e una riduzione del rollio. Interventi cui si accompagnano l’aggiornamento dei controlli di trazione e stabilità nonché la riduzione della servoassistenza elettrica dello sterzo alle alte velocità.

Con Focus MY14 debutta in Europa il SYNC 2, evoluzione del sistema di connettività della Casa dell’Ovale che si dota di schermo touchscreen da 8 pollici e permette ora di gestire vocalmente, oltre all’impianto audio e ai dispostivi collegati mediante USB o Bluetooth, sia il navigatore satellitare sia il climatizzatore. Navigatore che evidenzia gli incroci, legge a voce i nomi delle strade, mostra in 3D le uscite autostradali e integra le Guide Michelin. Un esempio di gestione vocale? Dire “ho fame” permette di accedere a un elenco di ristoranti nelle vicinanze, mentre pronunciando le parole “ho caldo” viene attivato il climatizzatore. Come avere un maggiordomo a bordo.

Tra le dotazioni di sicurezza spiccano il parcheggio semiautomatico, in grado di portare a termine manovre sia in parallelo sia in perpendicolare (a pettine) lasciando al guidatore la sola gestione del cambio e dei comandi a pedale – sistema attivo tanto in entrata quanto in uscita da una piazzola di sosta –, il cruise control adattivo, l’avviso di rischio di collisione in retromarcia e la frenata automatica in caso d’impatto imminente. Quest’ultima attiva sino a una velocità massima di 50 km/h anziché 30 km/h come in passato. Infine, avete figli? Non vi fidate della loro guida? Teneteli in casa. In alternativa, optate per il sistema Ford MyKey: permette di configurare caratteristiche della vettura quali velocità massima, volume dell’impianto audio e blocco delle dotazioni di sicurezza così che non possano essere disattivate.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Audi S5 TDI
La sua prima volta

Hyundai, idrogeno anche per la mobilità “pesante”

Peugeot 3008
Le Fiamme Gialle guidano francese