Garage Italia 500e stormtrooper: Lapo risveglia la forza

La Fiat 500e rivisitata dall’atelier di Lapo Elkann è un omaggio alla saga di Guerre Stellari. L’estetica s’ispira ai soldati della Legione del Primo Ordine. Abitacolo integralmente rivestito in pelle.

23 novembre 2015 - 12:11

Che la Forza sia con te! Garage Italia Customs, il vulcanico atelier per le personalizzazioni creato da Lapo Elkann, colpisce ancora e dopo l’Alfa Romeo 4C La Furiosa riversa le proprie cure su di una Fiat 500e, dando vita a un vero e proprio omaggio su ruote alla saga di Guerre Stellari.

Per celebrare l’uscita di Episodio VII, nuovo capitolo della serie di Star Wars, il Gruppo FCA ha commissionato a Garage Italia Customs una show car senza compromessi. È così nata la 500e stormtrooper, ispirata all’armatura bianca e nera dei soldati della Legione del Primo Ordine. Base meccanica della concept è la city car torinese in configurazione elettrica, commercializzata con successo in California nella versione da 111 cv e 199 Nm di coppia in abbinamento alla trasmissione monomarcia che contribuisce a garantire un’autonomia di 140 km. Delle caratteristiche estetiche peculiari della vettura originale, vale a dire il paraurti anteriore specifico corredato di griglia forata e fendinebbia ai lati, non resta granché, mentre il pacco batterie viene mantenuto nel sottofondo del bagagliaio, al centro della sospensione posteriore.

La special creata dal team di Lapo Elkann gioca sul contrasto cromatico tipico della livrea degli stormtrooper, le truppe dell’Impero leali al malvagio Palpatine e al suo nuovo ordine, complice la verniciatura integrale della carrozzeria e l’applicazione di pellicole oscuranti lungo le superfici vetrate, così da replicare la presenza di visore e casco tipici dei soldati imperiali. Badge personalizzati sostituiscono i loghi Fiat e vengono replicati al centro dei cerchi in lega con finitura total black calzanti pneumatici Pirelli a spalla bianca. Non meno estrema la cura dedicata agli interni: l’abitacolo è interamente rivestito in pelle, inclusi i pannelli porta e la plancia, mentre l’emblema del Primo Ordine domina poggiatesta e volante. Tutte le superfici plastiche sono state laccate in bianco e nero, laddove per il cielo e i montanti si è optato per l’Alcantara bianco. Passare inosservati? Impossibile, a meno di possedere un propulsore a curvatura…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volkswagen Golf 1974 grigia

Youngtimer – Volkswagen Golf, storia delle prime 7. In attesa dell’ottava

Volvo XC40 milano

Volvo XC40, i motivi di un successo. Test [VIDEO]

Peugeot 3008 GT Hybrid4, la variante ibrida plug-in si aggiunge alla gamma