Hertz e Garage Italia, arte a noleggio su ruote

La Selezione Italia di Hertz si arricchisce dell’Alfa Romeo Giulia Grand Tour, una “special” realizzata da Garage Italia strizzando l’occhio all’arte classica. Noleggiarla dovrebbe costare circa 200 euro al giorno, ma per ora l’offerta è limitata

5 luglio 2019 - 17:22

Dalla seconda metà del mese di luglio Hertz offrirà la possibilità di noleggiare una Alfa Romeo Giulia dalla personalizzazione estetica che non passa inosservata, a cominciare dalla tinta della carrozzeria: un blu lapislazzulo ottenuto con un wrapping maculato che, nelle sfumature, si ispira alle tonalità presenti in molti affreschi d’epoca medievale e rinascimentale (che venivano ricavate triturando pietre con alta concentrazione di lazurite).

La speciale berlina è stata battezzata Giulia Grand Tour, denominazione che campeggia nella parte anteriore della fiancata assieme a quella dell’atelier che – in partnership con il noto marchio di car renting – ha allestito la vettura: si tratta dell’azienda milanese Garage Italia, specializzata in personalizzazioni automobilistiche e facente capo a Lapo Elkann. La Alfa Romeo Giulia Grand Tour va ad arricchire l’offerta Hertz Selezione Italia, quella che include modelli premium particolarmente rappresentativi della produzione nazionale.

Si comincia da tre

In una fase iniziale, la disponibilità della Giulia Grand Tour sarà limitata a soli tre esemplari prenotabili nelle agenzie di Milano, Firenze e Roma; successivamente è prevista l’estensione del servizio a Venezia e Napoli. La tariffa di noleggio (non ancora ufficializzata) dovrebbe essere di circa 200 euro al giorno. Il fatto che la scelta abbia privilegiato città note per le loro bellezze artistiche non è casuale: il Grand Tour richiamato nella denominazione della Giulia allestita da Hertz e Garage Italia era il viaggio attraverso il quale, ormai quasi quattro secoli fa, i rampolli dell’aristocrazia europea scoprivano la cultura e le bellezze del Continente, e che non poteva non annoverare numerose tappe italiane. Tornando alla colorazione, il particolare colore azzurro intenso è esaltato dal contrasto con i vetri posteriori e con il lunotto scuri, ed è richiamato anche negli interni: lo ritroviamo nei rivestimenti con estesi inserti in Alcantara delle poltrone (sagomate e parecchio contenitive, personalizzate con i logo di Garage Italia e di Selezione Italia), dei pannelli delle porte, della plancia e del bracciolo centrale; nell’insieme spiccano pure le peculiari impunture in giallo oro.

Tutto questo per tacere del colpo d’occhio che si prova mettendosi al volante e alzando gli occhi al cielo: il rivestimento del padiglione – che non è esagerato definire opulento – riproduce l’Apollo circondato dallo Zodiaco, un affresco del secolo XVI attribuito a Taddeo e Federico Zuccari. Il dipinto si trova nel soffitto della Sala Papalina del Castello Odescalchi di Bracciano (Roma), location scelta da Hertz per il press-launch della Giulia Grand Tour tenutosi a inizio luglio.

La base sulla quale Garage Italia ha realizzato questa “special” è quella della Giulia 2.2 Turbo a gasolio in allestimento Veloce (210 CV), con trazione integrale Q4 e cambio automatico AT8 con otto rapporti selezionabili anche tramite paddle al volante: è una versione accreditata di 235 km/h di velocità di punta e in grado di accelerare da 0 a 100 orari in soli 6,8 secondi, e dunque capace di soddisfare gli amanti della guida brillante.

Benvenuti in Italia

A comprendere il senso di un’operazione particolare come quella di Selezione Italia aiutano le parole Massimiliano Archiapatti, AD e Direttore Generale di Hertz Italia, che proprio nel presentare la new entry Alfa Romeo Giulia Grand Tour ha fatto riferimento al ruolo speciale che può avere il car rental negli aeroporti italiani: “Per molti turisti – ha spiegato – il ritiro dell’auto a noleggio è il primo contatto con il nostro Paese, e trasformarlo in una sorta di benvenuto rappresenta sicuramente un’opportunità. Per questo la speciale offerta di Selezione Italia non è incentrata soltanto sull’esclusività dei modelli proposti, ma anche sull’accuratezza del servizio: il cliente non viene accolto nel solito garage, ma in un ambiente che è un vero e proprio show room, e trova la vettura in stalli personalizzati, protetta da un telo che viene rimosso davanti ai suoi occhi”. È chiaro che l’offerta di vetture come la Giulia Grand Tour appare tagliata su misura sulla clientela straniera, di certo la più sensibile al fascino di una certa “italianità”. Ma questo non esclude che modelli così particolari e con DNA nazionale possano essere attraenti anche per gli appassionati italiani: noleggiarli è uno sfizio che potrebbero volersi togliere in molti. Un concetto al quale si ricollega anche il punto di vista di Enrico Vitali, AD di Garage Italia, dichiaratosi “estremamente soddisfatto della partnership con un’azienda del calibro di Hertz, che rappresenta anche un importante riconoscimento del valore dell’artigianalità applicata alla personalizzazione delle automobili. Senza dubbio si tratta di un patrimonio che fa parte della tradizione della Penisola”.

L’offerta segmentata di un gigante multibrand

Hertz, che ha da poco celebrato un secolo di attività (è stata fondata negli USA nel 1918), è un marchio premium dell’autonoleggio; in Italia è presente dal 1960 (non a caso, l’anno delle Olimpiadi di Roma) e conta attualmente 240 agenzie che significano una copertura territoriale da riferimento in aeroporti e città, e permettono all’azienda di avere la leadership del mercato del nolo di vetture e furgoni, sia nel comparto business, sia nel leisure. Nel mondo sotto l’ombrello Hertz operano anche i brand “non premium” Dollar, Thrifty e, per quanto riguarda l’Europa – Firefly; complessivamente, il gruppo gestisce una flotta di oltre 700.000 veicoli.

Selezione Italia rappresenta la punta di diamante dell’offerta Hertz nel nostro Paese ed è comprensibilmente incentrata su vetture italiane; formule simili sono state attivate anche nel Regno Unito (con la British Collection, che offre vetture Land Rover e Jaguar) e in Germania (con le BMW, le Mercedes e le Porsche della Kollektion 7, che ha recentemente debuttato all’aeroporto di Francoforte). Non è nei piani di Hertz, ma nemmeno si può escludere, che in futuro la Selezione Italia possa essere proposta anche in altri Paesi nei quali è presente una clientela particolarmente sensibile al fascino della produzione Made in Italy: sarebbe un’ulteriore maniera di valorizzare la qualità della flotta, uno dei punti chiave della strategia del brand.

Non corre da sola

Oltre alla Giulia Grand Tour by Garage Italia, l’offerta Selezione Italia di Hertz include anche altri modelli, tutti appartenenti a marchi del Gruppo FCA. Sempre con marchio Alfa Romeo troviamo la Giulia Veloce “normale”, ossia non personalizzata, la potente variante Quadrifoglio con il 2.9 V6 biturbo a benzina da 510 CV, la suv Stelvio e, addirittura, la sportivissima biposto 4C. Chi vuole alzare il tiro può orientarsi sulle Maserati Ghibli, Quattroporte e Levante, ma non mancano le sfiziose Fiat 500 Cabrio, Abarth 595 Competizione e Turismo. Completano il menu la Fiat 124 Spider anche nella variante Abarth e la particolarissima Fiat 500 Jolly “Spiaggina” Icon-e by Garage Italia: quest’ultima è una elettrica open-air realizzata sulla base della vecchia Fiat 500, ed è noleggiabile in alcune località turistiche.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Youngtimer – Fiat Tipo, l’auto di Montalbano

1969: la Nasa arriva sulla Luna, in Italia debutta la Fiat 128

Mitsubishi L200 DC Hurricane, un nome una garanzia