Hyundai i10 1.0 Login: 2.100 euro di vantaggi

Offerta lancio per la nuova city car coreana: sino al 31 dicembre è proposta in allestimento 1.0 Login a 9.850 euro anziché 11.350, cui aggiungere 600 euro d’accessori forniti senza sovrapprezzo

L’offensiva è iniziata. Fiat Panda, VW Up! e la nutrita schiera di city car a 5 porte sono avvertite. Non farà prigionieri. Hyundai i10 (leggi qui la nostra prova) è tra noi. La city car coreana, progettata e realizzata in Europa, è cambiata radicalmente rispetto al passato e ambisce a un gradino sul podio della categoria. Consapevole che linea piacevole, interni curati, capacità di carico da riferimento e spazio per 5 adulti potrebbero non bastare, sfodera un asso nella manica: il prezzo.

Dal 15 novembre al 31 dicembre la versione di lancio 1.0 Login sarà in vendita a 9.850 euro (o 95 euro al mese). Un prezzo che porta in dote un “vantaggio cliente” di 2.100 euro rispetto al listino, specie considerando gli optional inclusi nell’offerta. L’allestimento di partenza è l’intermedio Comfort, già di per sé forte di Abs, Esp, 6 air bag, monitoraggio della pressione dei pneumatici, climatizzatore manuale e Radio CD/Mp3 con prese Aux e Usb. Cui si sommano il pacchetto Connectivity, composto da Bluetooth, comandi audio al volante e 4 altoparlanti, nonché i fari fendinebbia con luci diurne a Led. Vale a dire 600 euro di accessori forniti senza sovrapprezzo.

A quanti non apprezzano la filosofia “tutto e subito”, Hyundai riserva il finanziamento “i-Plus”: anticipo di 3.480 euro, 95 euro al mese per 35 mesi e, alla scadenza, ampia libertà di scelta. Dopo tre anni è possibile tenere la vettura, saldando la maxirata finale di 4.199,50 euro, cambiarla o restituirla.

Hyundai i10 è proposta con un inedito tricilindrico 1.0 12V o un 4 cilindri 1.2 16V, entrambi a benzina, rispettivamente da 66 e 87 cv. Oltre alla trasmissione manuale a 5 marce è disponibile un’unità automatica a 4 rapporti. La motorizzazione 1.2 richiede un sovrapprezzo di 600 euro (rispetto alla 1.0), il cambio automatico di 1.000 euro e l’alimentazione a Gpl di 1.500 euro.