Hyundai Ioniq: una e trina

La berlina coreana, attesa al debutto a inizio 2016, verrà declinata in versione ibrida tradizionale, plug-in e 100% elettrica. Adotterà un pianale specifico.

Boom baby! C’è un nuovo sceriffo in città. I “quartieri” green solitamente presidiati da Toyota Prius e Nissan Leaf, best seller nei settori della propulsione rispettivamente ibrida ed elettrica, potrebbero presto passare di mano. O meglio nelle mani di Hyundai, che a gennaio presenterà la berlina derivata dalla concept Ioniq. Un modello che si annuncia uno e… trino! Vale a dire destinato a essere proposto in configurazione sia ibrida tradizionale, sia plug-in, sia 100% elettrica.2012 Hyundai i-oniq ConceptLa nuova Ioniq debutterà in occasione dei Saloni di Ginevra e New York, proponendosi come una delle prime vetture al mondo “totally ecologic”. L’inizio di un nuovo corso per il colosso industriale coreano, orientato a fare delle alimentazioni alternative la colonna portante della propria strategia automotive. Spina dorsale dell’inedita berlina sarà una piattaforma appositamente realizzata, a testimonianza della volontà d’intraprendere una strada sinora sostanzialmente inesplorata, rinunciando all’utilizzo di basi telaistiche e meccaniche già in gamma. I motori a zero emissioni, più comunemente, verranno invece alimentati mediante batterie agli ioni di litio.2012 Hyundai i-oniq ConceptProposta, almeno inizialmente, in configurazione a cinque porte, Ioniq potrebbe successivamente essere declinata in altre varianti di carrozzeria, ad esempio wagon e monovolume, seguendo la strategia inaugurata dalla rivale Toyota Prius.HyundaiIoniq-004