Italia da record, metano a mille

Di tutte le nazioni europee, il Bel Paese è quello che ha raggiunto il maggior numero di distributori di metano, che ad oggi sono più di 1000

19 febbraio 2014 - 19:02

Spesso, come italiani, pensiamo di essere indietro da un punto di vista ecologico e ambientale, e molte volte non abbiamo tutti i torti. Questa volta, però, sbaglieremmo: l’Italia, infatti, porta a casa un primato davvero importante in termini di sostenibilità ambientale, confermandosi la Nazione europea con il maggior numero di impianti per la distribuzione di metano. Grazie all’apertura degli impianti di Udine e di Misilmeri (PA), la quota ha raggiunto e superato i 1.000 distributori. In breve tempo dovrebbero essere introdotti anche i primi self-service (al momento il metano è sempre “servito”) e punti di distribuzione del biometano, come spiega Ecomotori.net (sito specializzato e leader dell’informazione di settore). L’aumento esponenziale dei punti di distribuzione, dislocati in tutto il Paese, è specchio prima di tutto di una tendenza di mercato, quella delle auto alimentate a metano, che in Italia hanno toccato quota 750.000.

Qualche anno fa, nel 1997, il parco circolante a metano nel nostro Paese era di 260.000 veicoli. Le stazioni di distribuzione toccavano a malapena le 270 unità (fonte: Ministero dello Sviluppo Economico). In poco più di 15 anni l’Italia ha raggiunto un traguardo storico, anche se ci sono ancora migliorie da apportare al sistema: la distribuzione degli impianti nelle varie regioni, la mancanza di un servizio self-service e l’impossibilità che ne consegue di rifornirsi negli orari serali o durante la chiusura.

A parte questi dettagli è molto importante sottolineare le potenzialità legate all’uso del metano come carburante: è uno tra i più green in assoluto, con emissioni di anidride carbonica del 23% inferiori alla benzina.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volvo XC90, il SUV è a guida autonoma

Jeep Renegade ibrida plug-in, il debutto su strada al Salone di Torino

Auto elettriche e ibride, l’Italia batte un colpo