Lexus LS MY18: lo Shiatsu a bordo

La quinta generazione dell’ammiraglia Lexus si conferma una vettura estremamente raffinata e confortevole, ora forte di un moderno V6 3.5 biturbo benzina da 415 cv. In vendita nel 2018, adotta un cambio automatico a 10 marce.

10 gennaio 2017 - 11:01

Debutta in occasione del Salone dell’auto di Detroit la quinta generazione dell’ammiraglia Lexus, in vendita nel 2018 e avversaria di “grossi calibri” quali Audi A8, BMW Serie 7, Mercedes-Benz Classe S e Maserati Quattroporte. La vettura giapponese si aggiorna tanto nel design quanto nei contenuti, forte di alcune raffinatezze hi-tech.

La LS ha portato al debutto nel 1990 il marchio Lexus, brand di lusso appartenente alla galassia Toyota. Ora si rinnova sostituendo l’ormai storico V8 5.0 benzina aspirato con un più moderno V6 3.5 biturbo da 415 cv e 599 Nm di coppia, sviluppato sulla base della tecnologia dedicata dal colosso nipponico alla Formula 1 e abbinato a un cambio automatico a 10 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia. Trasmissione, quest’ultima, già adottata dalla coupé LC 500. Sportiva con la quale l’ammiraglia Lexus condivide anche la piattaforma modulare GA-L; un pianale che promette una rigidità torsionale superiore persino alla supersportiva LFA. Disponibile a trazione sia integrale sia posteriore, in configurazione 2WD scatta da 0 a 96 km/h in 4,5 secondi.

Con una lunghezza di 5,23 metri in configurazione “lunga”, vale a dire a interasse maggiorato, e un passo superiore ai tre metri, è tutt’altro che una libellula. Si tratta, anzi, di una vettura imponente, ma che promette una guida appagante grazie alla tecnologia di controllo del telaio basata sul baricentro ribassato, il peso ridotto di 90 kg rispetto alla precedente generazione e l’interazione tra le sospensioni pneumatiche attive, le barre antirollio a rigidità variabile, lo sterzo parametrico, l’elettronica e l’erogazione del motore. Il vero punto di forza dell’ammiraglia Lexus si conferma, però, il comfort, rafforzato da elementi d’ispirazione giapponese nelle finiture e da rivestimenti in radica lavorati al laser, senza dimenticare i sedili anteriori elettrici con 28 posizioni regolabili e le funzioni climatizzazione e massaggio. Per la seconda fila è previsto addirittura il programma Shiatsu, mentre all’apertura delle portiere, complice la smart key in dotazione, la vettura si rialza, le imbottiture pneumatiche degli schienali si allargano e le sedute accompagnano i movimenti dei passeggeri, agevolandone l’accesso o la fuoriuscita dall’abitacolo.

Tanta raffinatezza non poteva che trovare riscontro nel moderno sistema d’infotainment, forte di un display touch da 12,3 pollici e dell’head-up display a colori, così come nel curato, anzi curatissimo, reparto sicurezza che si avvale di tutte le tecnologie d’ultima generazione. In caso d’imminente investimento di un pedone, ad esempio, l’auto frena e sterza automaticamente aggirando l’ostacolo. Una nuova frontiera dell’assistenza alla guida.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Fiat Concept Centoventi, frontale, Salone di Ginevra 2019

Fiat Centoventi, 500 elettrica e le altre novità Fiat in arrivo

tutor ok

Tutor di nuovo attivo entro pochi giorni. La Cassazione dà ragione ad Autostrade

dodge_viper_rt_10 rossa

Youngtimer – Dodge Viper, storia della supercar che non c’è più. Purtroppo