Maserati Levante: la Cayenne nel mirino

Lo stabilimento di Mirafiori è quasi pronto ad accogliere la produzione della prima SUV della storia del Tridente. Sfiderà Porsche Cayenne e potrà contare sul noto V6 3.0 td da 250 o 275 cv e sui benzina biturbo d’origine Ferrari V6 3.0 da 410 cv e V8 3.8 da 530 cv.

Sta per arrivare. La Maserati Levante è (quasi) pronta per entrare in produzione. Mentre Ghibli e Quattroporte “rallentano” – è di pochi giorni fa la notizia della riduzione della produzione negli stabilimenti di Grugliasco (TO) –, l’inedita SUV del Tridente si prepara a riportare in auge la Casa di Modena.MaseratiLevante-001Le linee dello stabilimento di Mirafiori sono pronte al 50%. A giugno debutteranno gli esemplari di preserie e a gennaio 2016 prenderà il via la produzione vera e propria, in un sito produttivo che, secondo recenti rumors, verrà radicalmente rivoluzionato rispetto al passato così da poter produrre, a pieno regime, un massimo di 30 auto/ora. La Levante, sulla quale vige il massimo riserbo a livello tecnico, sarà basata su di una piattaforma evoluta derivata dalla Ghibli e condividerà alcuni spunti stilistici con la concept Alfieri; ad esempio l’abitacolo fortemente arretrato, il cofano motore con un notevole sviluppo in lunghezza e i parafanghi caratterizzati da un marcato andamento longitudinale che si raccorda con le linee di coda. Oltre all’immancabile calandra dominata dal Tridente.2012 Maserati QuattroporteSarà una rivale diretta di Porsche Cayenne. Da Ghibli e Quattroporte deriveranno il sistema di trazione integrale Q4, i motori e il cambio automatico a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia. Sotto il cofano dovrebbero pertanto pulsare il V6 3.0 td da 250 o 275 cv e i benzina Made in Maranello, pertanto d’origine Ferrari, V6 3.0 biturbo a iniezione diretta da 410 cv e V8 3.8 biturbo da 530 cv, cui si aggiungerà, molto probabilmente, una versione spinta del 3.0 td, portata a 320/350 cv.