McLaren MSO 650S: ritocchi in carbonio

Edizione a tiratura limitata - 50 esemplari - per la coupé e roadster britannica mossa dal noto V8 3.8 biturbo da 650 cv. Debuttano minigonne, estrattore, paraurti posteriore e spoiler dedicati in carbonio. Basta spendere 75.000 euro in più rispetto all’originale...

27 giugno 2014 - 14:06

La 650S non poteva bastare. Sebbene mossa dal noto 8 cilindri a V di 3.799 cc sovralimentato mediante due turbocompressori MHI, costruito in Gran Bretagna dallo specialista Ricardo su specifiche della Casa di Woking e dotato di albero motore piatto, aveva bisogno di qualcosa in più. Non tanto a livello di potenza e coppia – 650 cv e 678 Nm (69,2 kgm) sono tutt’altro che bruscolini – quanto sotto il profilo dello stile e dell’esclusività. Ecco allora che la divisione MOS (McLaren Special Operations) ha deciso di intervenire.

Realizzata in solo 50 esemplari, MSO 650S – disponibile in configurazione sia coupé sia spider – beneficia dell’apporto di Frank Stephenson – Design Director McLaren – che ha ideato personalmente degli inediti componenti in carbonio. A partire dalle minigonne maggiorate, per proseguire con il paraurti posteriore ristilizzato e l’estrattore dalla linea maggiormente aggressiva, sino a giungere allo spoiler frontale garante di una superiore deportanza. Debuttano inoltre cerchi in lega dedicati a 10 razze – da 19 pollici all’avantreno e 20 pollici al retrotreno – alleggeriti di 4 kg rispetto alle ruote originali e abbinati a dadi in titanio.

Non mutano la trasmissione a doppia frizione a 7 rapporti così come la carrozzeria e la struttura monoscocca in fibra di carbonio. Soluzione, quest’ultima, che nel caso della Spider porta in dote una resistenza torsionale tanto elevata da non richiedere rinforzi specifici rispetto alla coupé, come testimonia il peso dichiarato di 1.370 kg, superiore di solo 40 kg alla versione chiusa, una variazione dovuta principalmente al meccanismo d’azionamento del tetto ripiegabile. Confermati l’alettone a inclinazione variabile con funzioni di freno aerodinamico, le sospensioni PCC forti di ammortizzatori adattivi e sistema idraulico di compensazione del rollio, le portiere ad apertura verticale e i dischi freno carboceramici. Costerà una bazzecola: 252.500 sterline (315.000 euro) la Coupé e 272.500 sterline (340.000 euro) la Spider. Vale a dire oltre 75.000 euro in più delle versioni “base”…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuova Skoda Octavia, sfida (impossibile?) alla Volkswagen Passat

FCA-PSA: tutti marchi sopravviveranno. Sì, anche Lancia

Dunlop Pro Race Dealer al Cremona Circuit