Mercedes-Benz, le novità del Salone di Pechino

La Classe G monta per la prima volta nella storia un V12: la G65 AMG ha sotto il cofano 612 CV. Ma è il concept CSC a monopolizzare gli sguardi: prefigura la piccola CLS

25 aprile 2012 - 10:04

Prima si mostrano i muscoli, poi si fa ammirare all’Europa la prossima couperina a quattro porte. Se ci si chiama Mercedes-Benz, per qualche giorno Stoccarda si può benissimo leggere Pechino. Anche perché la vera notizia, stavolta, non riguarda il prodotto, ma la rete di vendita. Meglio andare per gradi, visto che la stella a tre punte, di carne al fuoco a questo Auto China 2012, ne ha messa parecchia.

Partiamo dai muscoli: la G65 AMG ne ha da vendere, tanto su strada quanto in fuoristrada, con il solito dilemma di fondo: emiri e sultani a parte, che nel deserto hanno fissa dimora, chi compra un mezzo del genere per infangarlo? Ciò premesso, il corpo vettura della Classe G riceve per la prima volta nella sua storia un 12 cilindri: il fuoristrada di serie più potente del mondo adotta un V12 munito di un turbocompressore per bancata, in grado di sviluppare 612 CV e una coppia massima-monstre di 1.000 Nm.

Il passaggio da zero a 100 km avviene in 5,3 secondi; la velocità massima è di 230 km/h, limitata elettronicamente. A trasmettere il moto alle ruote, il cambio 7G-Tronic Speedshift Plus AMG. Il prezzo non si discosterà granché dai 269.880 euro che costituiscono, a partire dal prossimo giugno, il listino europeo. Per chi si vuole accontentare – tutto è relativo, beninteso – la versione di ripiego di chiama G63 AMG: i cilindri sono otto, le turbine sempre due, i cavalli 544 e i newton-metri 760. Se si è disposti a lasciare sul piatto 0,1″ nel passaggio da 0 a 100 km/h e 20 km/h di velocità massima, il risparmio è di 130.000 euro scarsi. Forse troppi per fare sognare i cinesi, visto che a Pechino la G63 AMG non c’era…

La CLS in scala ridotta,  che si chiamerà CLA e debutterà nel 2013, è anticipata dal concept pressoché definitivo CSC: la sigla non lascia spazio all’immaginazione, visto che significa Concept Style Coupé. A Pechino ha ricevuto più gli sguardi degli operatori di settore e degli europei che degli autoctoni – troppo piccola, evidentemente, per un Paese che per ora sogna in grande: il motore della vettura esposta è un 2 litri turbocompresso da 211 CV accoppiato a una trasmissione automatica a 7 rapporti, provvista di doppia frizione. La CLA nascerà sulla piattaforma Mercedes-Benz MFA, da cui escono la Classe A e Classe B; i propulsori dovrebbero spaziare dal 1,6 litri a benzina da 122 CV fino al 2 litri turbo a benzina da 350 CV, ovviamente griffato AMG.

A proposito di AMG, Mercedes-Benz ha scelto Pechino per aprire il primo punto vendita esclusivo per il brand più sportivo di Stoccarda. Dei 195 AMG Performance Center al mondo, quello cinese è per adesso l’unico interamente dedicato al marchio. Un segno dei tempi che cambiano: anni fa il vento avrebbe soffiato verso il Medio Oriente. Oggi aumenta la gittata fino al Far East.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nuova Mercedes GLA, rossa, su neve

Nuova Mercedes GLA, Audi Q3 e BMW X1 nel mirino

Seat Tarraco Twist in off road

Seat Tarraco 1.5 TSI

Skoda-sistema-ricarica-volano

Skoda Kinetic Power Booster, il sistema di ricarica a volano