Mercedes G55 e G65 AMG

Test invernali sul territorio svedese e immancabili primi scatti in anteprima per le Mercedes G55 e (probabilmente) G65 AMG. Restyling leggero per la prima, mentre la seconda dovrebbe rappresentare un modello inedito e ancora più esclusivo. Il debutto? C’è chi parla di Detroit, ma Ginevra sembra ancora il palcoscenico più probabile

Numeri da urlo quelli della Mercedes G65: l’erede della Gelandewagen immortalata (forse) in questi scatti in anteprima sulle nevi scandinave, dovrebbe infatti essere realizzata in soli duecento esemplari, alimentata da un esagerato V12 e venduta alla “modica cifra” di 250.000 euro. Queste almeno sarebbero le prime voci diffuse dalla rete…Meno estremo, invece, il destino della G55 pronta per qualche pennellata di trucco (specchi retrovisori, mascherina frontale e gruppi ottici) e per una rivisitazione importante degli interni che dovrebbero diventare più lussuosi e moderni. Sotto al cofano, invece, la più tranquilla delle “G” da sparo dovrebbe ospitare una 5.4 litri V8 da 525 cavalli e 700 Nm di coppia massima (a fronte dei 612 cv e 1000 Nm di coppia della G65).Probabile per entrambe  il debutto per quanto riguarda i gruppi ottici della tecnologia a led tanto in voga di recente, mentre l’impianto frenanate dovrà, per forza di cose, rappresentare lo stato dell’arte visto la combinazione di potenza e peso. Voci insistenti parlano di un debutto al Salone di Detroit (visto e considerato che il mercato americano dovrebbe giocarsi il primato in quanto a immatricolazioni con quello russo), ma la presenza al Salone di Ginevra resta comunque l’ipotesi più accreditata.