Mercedes-Maybach G 650 Landaulet: sceicchi cercasi

22 febbraio 2017 - 16:02

L’intramontabile Mercedes-Benz Classe G, sulla cresta dell’onda dal 1979, non ha alcuna intenzione di abdicare. Regina tra le 4×4, sebbene si rincorrano i rumors relativi all’imminente debutto della nuova generazione, resta protagonista dei listini della Stella e, ora, si presenta anche nell’esclusiva veste Maybach G 650 Landaulet.

 

Terzo modello del brand Mercedes-Maybach dopo Classe S berlina e cabriolet, adotta il ciclopico V12 6.0 biturbo benzina appannaggio della nota G 65 AMG, in grado di erogare 630 cv e 1.000 Nm di coppia. Attesa al debutto in occasione del Salone di Ginevra (9-19 marzo), verrà prodotta in soli 99 esemplari integralmente personalizzabili nelle tinte, nei rivestimenti interni e nelle colorazioni della capote. Sotto il profilo tecnico, la vettura s’ispira alle “esagerate” G 63 AMG 6×6 e G 500 4×4² ed è pertanto caratterizzata da carreggiate ampliate di 30 cm rispetto alle G normali, da un’altezza degna di un palazzo (2,23 metri) e da una luce da terra in grado di fare invidia a un Unimog (45 cm).

Le sospensioni prevedono due molle e due ammortizzatori per ruota – analogamente alle vetture che gareggiano nei rally raid – con una peculiarità: un gruppo lavora in modo convenzionale, il secondo è affidato alla gestione elettronica che permette di optare per diversi setting. Per gli incontentabili sono previste coperture con pressioni di gonfiaggio variabili dall’abitacolo e protezioni sottoscocca in acciaio inox sia all’avantreno sia al retrotreno. La carrozzeria a quattro porte con passo modificato (3,5 metri) porta in dote un’inedita capote in tela, cui è dedicata la denominazione Landaulet, mentre l’abitacolo prevede quattro sedute – anziché i cinque sedili tipici della versione G 500 4×4² – con le poltrone posteriori, derivate da Classe S, che possono essere separate dalla zona anteriore grazie a un divisorio. I passeggeri della seconda fila vengono viziati con le funzioni climatizzazione e massaggio oltre che grazie a un sistema d’infotainment dedicato, corredato di display da 10 pollici.

Enorme, possente e inarrestabile, la G 650 Landaulet è dotata di predellini elettrici a scomparsa per facilitare l’accesso all’abitacolo. Sebbene destinata a sceicchi pronti a spendere oltre 350.000 euro per entrarne in possesso, non rinnega alcuni elementi distintivi di Classe G quali il telaio a longheroni e traverse, la trazione integrale permanente, le ridotte e i tre blocchi dei differenziali. Imperdibili i cerchi in lega da 22 pollici calzanti pneumatici dalle dimensioni monstre (325/55) e, ovviamente, lucidati. Metti mai di passare inosservati…


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alfa_romeo_SZ rossa tre quarti anteriore

Alfa Romeo SZ e RZ, design “difficile”, meccanica autentica – Youngtimer

Skoda-Octavia-wagon

Altro che SUV, le migliori 10 station wagon fra i 20.000 e i 30.000 euro

Le auto costano troppo? No, ecco perché