Audi S3 Sportback e Sedan

Nuova Audi S3, supercar in doppia veste

Potente (310 cv) e velocissima (meno di 5 secondi per lo 0-100 km/h), è proposta con carrozzeria a 2 e a 3 volumi

31 agosto 2020 - 13:09

È la più sportiva – per ora – della gamma A3: 310 cv e 400 Nm di coppia. Numeri impressionanti, per la nuova Audi S3, affidati a delle vere e proprie garanzie come la trazione quattro, le sospensioni posteriori Multilink e  (optional) gli ammortizzatori regolabili.

Prestazioni da togliere il fiato

4,8 secondi per scattare da 0 a 100 km/h, fino a pochi anni fa, erano roba da supercar. 4,8 secondi è il tempo richiesto dalla nuova Audi S3 per completare la prova di accelerazione più famosa. Una prestazione resa possibile da un pacchetto di primissimo livello: motore 2.0 turbo 4 cilindri da 310 cv e 400 Nm di coppia, trazione quattro e trasmissione a doppia frizione e 7 rapporti. La velocità massima?

“Solo” 250 km/h, perché autolimitata. Tornando al motore, alle prestazioni abbina anche una notevole attenzione per l’efficienza. Il sistema Audi valvelift system (AVS), infatti, regola la quantità d’aria aspirata differenziando i tempi di apertura e la corsa delle valvole in funzione del carico e del regime motore, garantendo un ottimale riempimento delle camere di combustione.

Trazione integrale per divertire

La trazione integrale merita un approfondimento in più, perché è progettata per garantire il massimo piacere di guida. Come? Se necessario, può trasferire fino al 100% della coppia al retrotreno e, in modalità sportiva, predilige le ruote posteriore anche in fase di ingresso curva, a garanzia di un piacere di guida che – almeno sulla carta – soddisferà i più esigenti. In condizioni normali, la trazione è anteriore. 

A permettere il trasferimento della coppia è una frizione a lamelle posizionata in corrispondenza della parte terminale dell’albero di trasmissione, a monte del differenziale posteriore, in modo da favorire il bilanciamento dei pesi tra avantreno e retrotreno. All’interno di questa frizione è presente un pacchetto di dischi in bagno d’olio. Qualora sia necessario l’intervento della trazione integrale, i dischi vengono sottoposti – mediante l’azione di una pompa elettroidraulica – a una pressione che, generando un attrito, mette in comunicazione l’albero di trasmissione principale con l’albero secondario collegato al differenziale posteriore.

Telaio raffinato

Non da meno il telaio: detto che retrotreno Multilink e sterzo progressivo sono di serie, l’assetto si abbassa di 15 mm rispetto a quello del resto della gamma A3. A richiesta è inoltre possibile avere gli ammortizzatori elettroidraulici regolabili, per avere il massimo sia del comfort sia della reattività. Il tutto, poggia su cerchi da 18 pollici (da 19” per la versione Sport Attitude). L’impianto frenante? A 4 dischi autoventilanti.

L’abito fa il monaco

Esteticamente, la S3 si fa notare per l’ampio single frame esagonale con griglia a nido d’ape, per le prese d’aria squadrate e per le calotte dei retrovisori laterali in look alluminio. Specifici i proiettori a LED Audi Matrix. Quelli posteriori, sempre a LED, per le versioni sport attitude integrano un’innovativa matrice luminosa, composta da 15 diodi, che genera un motivo specifico a doppia banda verticale. Infine, a caratterizzare le versioni S, dietro, sono l’estrattore e i quattro terminali di scarico a sezione ovale.

Edizioni speciali

L’Audi S3, Sportback e Sedan, arriverà nelle concessionarie italiane nel corso dell’ultimo trimestre del 2020. Al lancio si potrà avere il pacchetto edition one, con tinta giallo pitone per la Sportback e rosso tango per la Sedan. La prima, inoltre, si fa notare per i dettagli esterni in nero lucido, mentre sulla seconda spiccano le calotte degli specchietti in carbonio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Dacia e Udinese Calcio, la partnership si rinnova

Volkswagen ID.4 in movimento gialla tre quarti anteriore

Volkswagen ID.4 contro Tesla Model Y e gli altri SUV elettrici

BMW Why Buy EVO

BMW Why-Buy Evo, guidare una BMW senza comprarla è ancora più facile. Ecco perché