Opel Astra ecoM: un gradito ritorno

4 settembre 2017 - 10:09

È di nuovo a listino la Opel Astra ecoM. La sigla, ormai storica per il costruttore tedesco, identifica le versioni a metano delle vetture made in Rüsselsheim e segna il ritorno in gamma di una variante bifuel alimentata a gas naturale. Un revival celebrato in occasione del prossimo Salone di Francoforte (14-24 settembre).


24.300 euro per la wagon
Ordinabile da subito, la Opel Astra ecoM è proposta con prezzi a partire da 23.300 euro (la versione a cinque porte) e da 24.300 euro (la wagon denominata Sports Tourer). Sotto il cofano, nel dettaglio, pulsa un quattro cilindri realizzato interamente in alluminio di 1,4 litri, caratterizzato dalla sovralimentazione mediante singola turbina e in grado di erogare 110 cv e 200 Nm di coppia. Una versione depotenziata e adattata dell’analogo propulsore a iniezione diretta della benzina, forte di 150 cv. Proposta con la sola trasmissione manuale a 6 rapporti, l’Astra ecoM può “bruciare” metano, biogas o una miscela dei due elementi.


Bombole da 19 kg
Affidandosi al solo metano, secondo quanto dichiarato, l’Astra ecoM percorre nel ciclo NEDC tra i 24,4 e i 23,3 km/kg con emissioni di CO2 comprese tra 113 e 116 g/km. Valori degni di nota, specie considerando che la vettura è dotata di due bombole in compositi dalla capacità complessiva di 19 kg di gas. Ben più modesto il serbatoio della benzina, limitato a 13,7 litri. Un chiaro segnale di come la media tedesca nasca per un utilizzo pressoché esclusivo a metano. Un obiettivo cui concorre uno dei plus tecnici caratteristici della nuova generazione della Astra, vale a dire il sensibile dimagrimento – sino a 200 kg – rispetto al vecchio modello, complice la nuova scocca in acciai alto resistenziali.

Ricca dotazione multimediale e di sicurezza
Analogamente alle varianti a benzina e gasolio, anche l’Astra ecoM può essere dotata dei servizi di bordo OnStar che, grazie alla connessione internet, consentono di spaziare dall’invio dei soccorsi all’accesso alle informazioni su ristoranti, alberghi e aree di servizio. Un pacchetto multimediale compatibile con entrambi gli standard più diffusi, vale a dire Android Auto e Apple Car Play, e che può includere un innovativo modulo Wi-Fi con connettività 4G LTE compatibile con 7 dispositivi mobili. Massima attenzione alla sicurezza: spiccano, in proposito, l’avviso sia di superamento involontario della linea di corsia sia d’ostacolo in corrispondenza dell’angolo di visuale cieco, il riconoscimento della segnaletica stradale, l’allerta in caso di riduzione improvvisa della distanza di sicurezza, la frenata automatica in prossimità di una collisione imminente, il cruise control adattivo e il parcheggio assistito con tanto di telecamera in retromarcia.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ford_puma_st verde tra quarti anteriore

Ford Puma ST, 200 cv per le faccende quotidiane

nuova BMW M3

BMW M3 vs Tesla Model S Plaid, la sfida “folle”

Citroën C4 e ë-C4, al via gli ordini