Peugeot Instinct: il futuro è autonomo

27 febbraio 2017 - 10:02

La guida autonoma in salsa francese. In occasione del Mobile World Congress di Barcellona, una delle rassegne più importanti al mondo per l’elettronica di consumo, debutta la concept Peugeot Instinct, interpretazione della mobilità del futuro secondo la Casa del Leone. Destinata al ruolo di primadonna anche in occasione del Salone di Ginevra (9-19 marzo), la show car transalpina introduce la futura generazione dell’i-Cockpit, vale a dire l’originale abbinamento costituito dalla strumentazione – caratterizzata da elementi digitali e da un display integralmente personalizzabile – insolitamente rialzata e da un volante dal diametro ridotto.


Autonoma o tradizionale
Il volante? A scomparsa. Così come la pedaliera. Del resto, la concept Peugeot Instinct guida da sola. Oppure consente al conducente di optare per due strategie di marcia (Boost e Relax). E le portiere? A libro. La carrozzeria, invece, è più convenzionale e alle forme di una shooting brake lunga 4,55 metri abbina un’altezza estremamente contenuta, degna di una supersportiva (1,32 metri), a tutto vantaggio della riduzione della resistenza aerodinamica. Obiettivo, quest’ultimo, cui contribuiscono le rivoluzionarie canalizzazioni per l’aria ricavate attraverso i passaruota anteriori, le portiere e i montanti posteriori, così da consentire ai flussi di defluire in coda. Una soluzione degna di una Formula 1.

I-Cockpit 2.0
Come accennato, l’i-cockpit evolve rispetto alla generazione attuale proponendo un ampio schermo centrale attraverso il quale gestire funzioni e servizi che trascendono l’auto, spingendosi sino alla domotica e alla massima interazione con i device portatili. Merito della piattaforma multimediale Artik Cloud sviluppata da Samsung, partner della Casa francese, che mira a rendere la vettura un ideale prolungamento della casa e dell’agenda del conducente. Quanto alla meccanica, la Peugeot Instinct si affida a un powertrain ibrido forte di ben tre motori: due elettrici e uno termico a benzina sovralimentato mediante turbocompressore. Una tecnologia che Peugeot conta d’introdurre entro un paio d’anni nella produzione di serie, al pari dei materiali interni realizzati tramite la stampa 3D. Un nuovo mondo.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alfa_romeo_SZ rossa tre quarti anteriore

Alfa Romeo SZ e RZ, design “difficile”, meccanica autentica – Youngtimer

Skoda-Octavia-wagon

Altro che SUV, le migliori 10 station wagon fra i 20.000 e i 30.000 euro

Le auto costano troppo? No, ecco perché