Alfa Romeo Stelvio: da 50.800 euro

27 febbraio 2017 - 16:02

La prima SUV della storia Alfa Romeo si appresta al debutto europeo in occasione del Salone di Ginevra. La nuova Stelvio, modello strategico per il rilancio della Casa di Arese, segue di un anno l’unveiling della berlina Giulia e si presenta al giudizio del mercato con un listino ambizioso. I prezzi, infatti, partono da 50.800 euro (2.2 Turbo Diesel 210 cv AT8 Q4 Business).


Quattro allestimenti
L’Alfa Romeo Stelvio ha nel mirino la Porsche Macan e, in attesa della versione Quadrifoglio da 510 cv, si presenta al pubblico nelle versioni 2.0 Turbo MultiAir da 280 cv – lo step da 200 cv è atteso nel corso dell’anno – con prezzi da 52.800 a 57.300 euro e 2.2 td da 210 cv e 470 Nm di coppia (50.800-54.000 euro). Motorizzazioni, in entrambi i casi, abbinate a un cambio automatico a 8 rapporti del tipo mediante convertitore di coppia. Gli allestimenti previsti sono quattro, denominati Business, Super, Executive e, limitatamente a Stelvio benzina, First Edition. Sin dall’entry level sono inclusi gli immancabili ABS, ESP e 6 air bag oltre ai sedili rivestiti in tessuto nero, al volante multifunzione in pelle, ai cerchi in lega da 17 pollici, ai fari anteriori biXeno, ai sensori di parcheggio posteriori e ai retrovisori laterali ripiegabili elettricamente. Immancabili anche il climatizzatore automatico bizona, il sistema multimediale Alfa Connect con schermo da 6,5 pollici, il cruise control, i sensori luci e pioggia, il portellone elettrico, la frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni e la segnalazione di superamento involontario della linea di corsia.


Cerchi in lega sino a 20 pollici
La versione Super della Stelvio aggiunge alle dotazioni tipiche del livello Business i sedili in pelle e tessuto oltre alle ruote da 18 pollici, mentre l’allestimento Executive porta in dote il display da 7 pollici della strumentazione, il touchscreen da 8,8 pollici dell’infotainment, il sistema Alfa Connect 3D, la retrocamera, gli abbaglianti automatici, i sensori di parcheggio anteriori, la chiave a transponder, gli specchietti elettrocromatici e la segnalazione d’ostacolo in corrispondenza dell’angolo di visuale cieco con monitoraggio del traffico alle spalle del veicolo. La serie speciale First Edition, infine, aggiunge alla Executive i sedili in pelle elettrici e riscaldabili, gli inserti in radica per plancia, tunnel e pannelli porta, i paddle al volante, la pedaliera di alluminio, i cerchi in lega da 20 pollici, le pinze freno nere, i vetri posteriori oscurati e il Pack Sound Theatre.

Trazione integrale Q4
L’Alfa Romeo prevede una serie di pacchetti opzionali per completare le dotazioni e conferire alla Stelvio un’inclinazione più lussuosa o un’indole maggiormente votata alla sportività, mentre sotto il profilo tecnico tutte le versioni si avvalgono di alcuni plus quali il pianale condiviso con la berlina Giulia, lo schematismo delle sospensioni a doppio braccio oscillante all’avantreno a multilink al retrotreno, la realizzazione in lega leggera (alluminio) di motore, freni, portiere, passaruota e portellone, gli ammortizzatori a controllo elettronico (a richiesta) e la trazione integrale Q4 che garantisce la ripartizione dei kgm tra gli assali in funzione del programma selezionato mediante il selettore Alfa DNA. Una tecnologia che consente di optare per le modalità Natural, Dynamic, Advanced ed Efficiency adattando anche l’erogazione del motore, la servoassistenza dello sterzo e la taratura dell’elettronica. In condizioni ordinarie la spinta è indirizzata al 100% al retrotreno, mentre in caso di perdite d’aderenza sino al 60% della coppia può essere inviato all’avantreno. La sfida alle rivali tedesche è lanciata.


Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ford_puma_st verde tra quarti anteriore

Ford Puma ST, 200 cv per le faccende quotidiane

nuova BMW M3

BMW M3 vs Tesla Model S Plaid, la sfida “folle”

Citroën C4 e ë-C4, al via gli ordini