L’hanno tenuta nascosta sino all’ultimo istante per poi svelarla improvvisamente, con il sorriso malizioso di chi è consapevole di possedere l’arma segreta che cambierà gli equilibri del mondo. Almeno di quello automobilistico. Porsche ha mostrato in occasione del Salone di Francoforte la concept Mission E, probabile “baby Panamera” e testa di ponte del nuovo corso sia stilistico sia tecnico della Casa tedesca.

PorscheMissionE-001

È l’anti Tesla per eccellenza. Può contare su 600 cv e uno scatto da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi. Un tempo degno della supercar 911 Turbo. Non meno impressionanti lo 0-200 km/h, coperto in 12 secondi, così come l’autonomia di ben 500 km e la possibilità di ricarica all’80% in 15 minuti. Valori da record, legati all’operato di due motori sincroni a magneti permanenti abbinati alle 4WD a gestione elettronica e alla sterzatura integrale. Per garantire un’equilibrata ripartizione delle masse, le batterie sono collocate al di sotto dell’abitacolo, mentre la leggerezza della vettura è affidata all’abbinamento dell’alluminio e del CFRP (carbonio misto a poliuretano termoplastico) per la realizzazione della scocca, laddove i cerchi da 21 e 22 pollici sono in fibre composite.

PorscheMissionE-002

Fuori dagli schemi, in tutto. L’apertura delle portiere, ad esempio, è del tipo ad anta, i quattro sedili indipendenti e l’altezza decisamente contenuta: 130 cm. Un valore identico alla “sorella” supersportiva 911. Analogamente a quanto accaduto ad Audi TT, la strumentazione è integralmente digitale, mentre i sistemi di bordo – un’innovazione epocale – possono essere gestiti mediante il tracciamento dello sguardo oppure input gestuali; le telecamere in abitacolo monitorano l’inclinazione della testa del conducente, deducendo le informazioni consultate così da visualizzarne automaticamente menù e opzioni. Il Grande Fratello sale in auto!

PorscheMissionE-006

La parte centrale della plancia può essere gestita tanto dal guidatore quanto dal passeggero anteriore grazie a un sistema olografico che combina tridimensionalmente app e comandi, consentendo di accedere all’infotainment, alla navigazione, alla climatizzazione e ai parametri della vettura. Grazie al dialogo da remoto con l’auto, è possibile inviare a Mission E un percorso preimpostato così come inediti setup per sospensioni e propulsori, scaricabili dal Porsche Connect Store. Una soluzione che apre le porte alla diagnosi a distanza e agli aggiornamenti wireless del software di bordo. Il futuro è adesso!