2  LIVE  

Cullati dall’ultimo sole estivo e perfettamente riparati dall’aria: è questa la sensazione che più resta impressa dopo aver guidato per oltre 3.000 chilometri l’Audi A5 Cabriolet, nell’equilibrato allestimento 2.0 TDI S tronic Sport. Fin dalla prima A5, l’estetica è stato uno dei punti di forza di questo modello, ideato da Walter De Silva, il designer italiano per molti anni a capo del centro stile Audi. Colpiscono, allora come oggi, la proporzione tra i volumi e l’eleganza generale, immutata anche con la capote chiusa, condizione di solito penalizzante.

 

PIU’ LUNGA

Lunga 4.673 mm, cioè 47 più del modello precedente, la A5 Cabriolet è più spaziosa che in passato (passo +14 mm), sia a livello di larghezza delle spalle degli occupanti anteriori, sia per le ginocchia dei passeggeri posteriori. I tempi di apertura e chiusura della capote si attestano rispettivamente a 15 e 18 secondi, con la possibilità di azionarla anche in movimento fino a 50 km/h. Interessante la capacità di carica del bagagliaio, pari a 320 litri con capote aperta e 380 con capote chiusa, proposta in 4 colori (nero, grigio, marrone o rosso), da abbinare alle 14 tonalità dell’auto.

I sistemi di assistenza alla guida sono numerosi, addirittura trenta, molti dei quali proposti di serie. D’altra parte la strada verso la guida autonoma di livello 3 è stata percorsa con decisione da Audi, che con la A8 si è posta al vertice alla ristretta lista delle auto più evolute. Peccato che la legislazione arranchi e non sia possibile sfruttare su strada le innovazioni tecnologiche sviluppate dalle aziende.

OPTIONAL, DOMINA L’EQUILIBRIO

Sulla A5 Cabriolet in prova la scelta delle dotazione opzionali è stata particolarmente equilibrata. Sul piano funzionale spiccano i fari LED – ci sono anche i LED Matrix come ulteriore opzione -, l’Audi Virtual Cockpit, davvero irrinunciabile per funzionalità e look; l’assetto con regolazione degli ammortizzatore e i cerchi da 18 pollici; il dispositivo di ausilio al parcheggio Plus e la telecamera posteriore. Pensati per aumentare il comfort della vita a bordo sono gli accessori in abitacolo, a partire dal navigatore con MMI Touch, il climatizzatore a 3 zone, Audi Connect, Phone Box e smartphone Interface. D’impatto i pacchetti S line e S line exterior, che regalano all’A5 Cabriolet un tocco di elegante sportività in più, come anche i rivestimenti in pelle e Alcantara.

L’assetto può contare su carreggiate larghe 1.587 mm davanti e 1.568 mm dietro, sul passo lungo (2.765 mm) e sull’efficace schema delle sospensioni. All’avantreno è montato un assale a cinque bracci, migliorato rispetto alla precedente versione; schema a cinque bracci anche dietro, in luogo dei bracci trapezoidali del passato. Il servosterzo è elettromeccanico, con assistenza che varia in funzione della velocità.

IL MOTORE GIUSTO

Il motore 2.0 TDI da 140 kW (190 cv) è abbinato alla trazione anteriore e al cambio s tronic a sette rapporti. Nel ciclo NEDC i consumi dichiarati sono di 4,5 l/100 km, con emissioni di anidride carbonica pari a 118 grammi per chilometro. Il trattamento dei gas di scarico avviene con sistema SCR (Selective Catalytic Reduction).

Indietro