Il recente accordo stretto fra Audi ed Enel ha l’obiettivo di rafforzare la determinazione di chi ha deciso di “convertirsi” all’elettrico, mettendo in garage una Audi e-tron. Perché va bene la mobilità pulita e a zero emissioni ma se ci sono difficoltà nell’utilizzo o nella ricarica, l’esperienza di acquisto diventa una corsa ad ostacoli.Audi e-tron bianca movimento

Optional gratuito

I fortunati clienti della Audi e-tron hanno la possibilità di avere il servizio offerto da Enel X come optional gratuito nel listino accessori. Si tratta di un pacchetto che comprende sopralluogo domestico, consulenza per l’aumento della potenza elettrica dell’impianto di casa, predisposizione del sistema di ricarica e dell’accesso alla rete pubblica di energia elettrica Enel X.

Audi e-tron blu ricarica

Elettricità in regalo

Non è finita: per chi acquisterà la e-tron con questo pacchetto, ci sono 3.300 kW di energia gratis da utilizzare per la ricarica del proprio SUV Audi nell’arco di due anni. Il che significa, secondo i dati di Enel, oltre 14.000 km gratis (e ad energia pulita). Dove ricaricare? Eentro il 2022 Enel porterà la rete di colonnine italiane a 14.000 unità, 7.000 delle quali a 22kW (quick), 50kW (fast) e 350 kW (Ultrafast) già entro il 2020.

Audi e-tron blu 3/4 posteriore

Più colonnine per tutti

A supporto ricordiamo il progetto EVA+ (Electric Vehicles Arteries), co-finanziato dalla Commissione Europea, a cui Volkswagen Group Italia partecipa insieme ad altri costruttori: prevede l’installazione di 180 punti di ricarica veloce lungo le tratte extraurbane italiane. Le prime 100 colonnine sono già attive e permettono la ricarica di Audi e-tron in 1 ora e 20 minuti circa.