Range Rover Sport Autonomous Urban Drive: ci penso io

30 giugno 2017 - 12:06

Manca poco. Forse pochissimo. La tecnologia alla base della guida autonoma è sempre più hi-tech e i costruttori, che già da anni lavorano all’auto senza conducente, iniziano a scoprire le proprie carte. Ultimo, ma solo in ordine di tempo, il Gruppo Jaguar Land Rover, in piena attività nell’affinamento dei software che consentiranno alle vetture del futuro di destreggiarsi senza apporto umano.


Il “guidatore” diventa un semplice controllore
Si chiama Range Rover Sport Autonomous Urban Drive ed è la vettura laboratorio destinata ad affinare la gestione autonoma del veicolo nel contesto cittadino. La marcia urbana è, infatti, la condizione più difficile da affrontare, data l’enorme quantità di variabili in gioco. Il Gruppo inglese a capitale indiano, che collabora con il programma governativo UK Autodrive Research, ha presentato il fitto programma di test su strada nelle cittadine di Coventry e Milton Keynes, poli industriali storicamente legati a JLR (Jaguar Land Rover). Una road map che prevede, entro l’estate del 2018, il perfezionamento dei software alla base della marcia autonoma di livello 4. Vale a dire la gestione, senza interventi del guidatore, d’acceleratore, freni e volante oltre al monitoraggio del traffico e all’adattamento al flusso veicolare.

Effetti positivi per le auto tradizionali
Il Livello 4, in una scala di autonomia che va da 0 a 5, vede l’auto gestirsi al 100%, fatta salva la possibilità del conducente di riprendere il controllo del mezzo con un semplice gesto. La Range Rover Sport Autonomous Urban Drive è così capace di rapportarsi agli altri veicoli, di rispettare i semafori, gli incroci, le precedenze, i pedoni, i ciclisti e i mezzi pubblici grazie allo scambio d’informazioni con le altre vetture e con le infrastrutture. Tanta raffinatezza tecnica ha ricadute positive sulle vetture tradizionali, dato che verranno presto rese disponibili funzioni sviluppate congiuntamente alla guida autonoma quali l’Intersection Collision Risk Warning (ICRW), un servizio che avverte il guidatore qualora venga ravvisato un pericolo imminente in prossimità o durante l’attraversamento di un incrocio, l’In-Vehicle Signage (IVS), che riceve le informazioni sul traffico e sui lavori in corso dagli altri veicoli e dalle infrastrutture, e l’Emergency Vehicle Warning (EVW), che segnala il sopraggiungere di un mezzo di soccorso così da ottimizzare il flusso veicolare e favorire la velocità d’intervento nelle situazioni d’emergenza.

Al momento, il Gruppo Jaguar Land Rover non ha dichiarato quando conta d’immettere sul mercato la prima vettura a guida autonoma di livello 4, ma secondo rumors insistenti ciò potrebbe accadere ben prima del 2025. Anno che rappresenta, per la maggioranza dei costruttori, l’orizzonte entro il quale “accantonare” il guidatore.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ford_puma_st verde tra quarti anteriore

Ford Puma ST, 200 cv per le faccende quotidiane

nuova BMW M3

BMW M3 vs Tesla Model S Plaid, la sfida “folle”

Citroën C4 e ë-C4, al via gli ordini