Renault Kwid Concept: ruote a terra, occhi al cielo

La show car francese è corredata di un drone estraibile controllabile mediante il tablet integrato nella plancia. L’apparecchio può monitorare il traffico, scattare foto e segnalare ostacoli. È mossa da un 1.2 turbo a iniezione diretta di benzina

Disegnata in India e presentata in occasione del Salone di New Delhi, Kwid è una futuristica concept Renault a due porte dagli ingombri compatti e dall’aspetto all terrain.

A dispetto del design, la vettura è dotata della sola trazione anteriore, mentre l’abitacolo s’ispira al nido degli uccelli. Un “bozzolo” in elastomeri forte della climatizzazione posteriore azionabile grazie ai comandi collocati lungo lo schienale del sedile del conducente e della ventilazione mediante fori concentrici.

L’elemento più originale, o forse folle, della show car transalpina è il Flying Companion, ovvero un drone che emerge dalla parte posteriore del tetto. Dispositivo attivabile in modalità automatica, supportata da un sistema di guida programmata e dalla localizzazione GPS, oppure manuale, che permette di controllare l’apparecchio attraverso il tablet integrato nella plancia del veicolo. Il Flying Companion può ottenere informazioni sul traffico, scattare foto e rilevare ostacoli lungo la strada. Un angelo custode.

Pur essendo predisposta per l’alimentazione elettrica, la concept francese è mossa da un 1.2 turbo a iniezione diretta di benzina abbinato a una trasmissione a doppia frizione. A rafforzare l’originalità della vettura concorrono il divanetto della prima fila scorrevole, i cinque posti – con tre sedute anteriori e due posteriori –, il guidatore collocato centralmente, le portiere ad ali di farfalla gestibili elettricamente, i gruppi ottici a Led e i comandi del cambio a pulsante in sostituzione della tradizionale leva selettrice. È una vera e propria finestra sul futuro.

 

http://youtu.be/3VU4IZVf79c