Seat el-Born, la concept elettrica che si ricarica in 47 minuti

420 km di autonomia (WLTP) e prestazioni di tutto rispetto: 7,5 secondi per arrivare a 100 km/h. Arriverà su strada nel 2020

Nasce sulla stessa piattaforma della Volkswagen ID la Seat el-Born, concept che al Salone di Ginevra traccia la via di Seat verso la mobilità elettrica. La versione definitiva sarà prodotta nella fabbrica di Zwickau e aggredirà il mercato a partire dal 2020.

Fisico tornito

Seat el-Born rossa curvaEl Born è un quartiere di Barcellona dal passato aristocratico, che oggi ha virato verso l’arte. Anche così si spiegano le linee della Seat el-Born. Pur essendo a tutti gli effetti una concept, è molto probabile che il look non si discosti molto dal modello di produzione. E menomale: in una forma da crossover/MPV, che va fra l’altro di moda fra le elettriche pure, gli stilisti spagnoli hanno creato un bel pezzo, in puro stile emozionale Seat.

Quasi definitiva

Seat el-Born plancia e interniDentro, al solito, la Seat el-Born si arricchisce di due generosi schermi e offre – grazie all’assenza del cambio – un tunnel centrale particolarmente capiente. Per il resto, si nota già che la plancia è molto simile all’aspetto che avrà sull’auto di serie e non si discosta molto, nello stile, dalle Seat già sul mercato.

Più di 200 cv elettrici

Seat el-Born rossa frontaleLa el-Born, insomma, è un’auto piuttosto “reale”. Sottopelle c’è un motore elettrico da 204 cv, con batterie da 62 kWh e un’autonomia di 420 km dichiarati, secondo il ciclo WLTP. La ricarica rapida a 100 kWh in corrente continua consente di riempire fino all’80% la batteria in 47 minuti. La pompa di calore riduce il consumo del riscaldamento elettrico risparmiando una quantità di energia corrispondente a 60 km di autonomia. Infine, non mancano sistemi di sicurezza da guida autonomia di livello 2.