Seat Leon MY17: il restyling è hi-tech

La vettura di maggior successo della Casa spagnola diventa più aggressiva nel design e può contare su di una dotazione multimediale e di sicurezza da prima della classe. Debuttano i motori 1.0 TSI e 1.6 TDI da 115 cv.

Un tocco di aggressività, un velo di assistenza alla guida, una sostanziosa base hi-tech e… il gioco è fatto! Ecco come Seat Leon, modello di maggior successo della Casa spagnola, affronta il restyling in vista del 2017. L’aspetto sportivo viene ancor più accentuato, la multimedialità entra in una nuova era e la dotazione di sicurezza diventa decisamente ricca.seatleonmy17-002Squadra che vince non si cambia. Ecco perché il design di Leon cambia solamente nei dettagli, più precisamente per quanto concerne i gruppi ottici, la calandra, i paraurti e i fari, mentre le linee caratteristiche che hanno decretato il successo della media spagnola vengono ulteriormente accentuate prendendo spunto da Ateca – la prima SUV della Casa di Martorell – così da donare maggiore grinta al frontale dell’auto. Rivisti anche gli interni, dove al freno di stazionamento elettrico si accompagna una moderna connectivity box, collocata dinanzi alla leva del cambio, per la ricarica wireless degli smartphone, in attesa del debutto nella seconda metà del 2017 della strumentazione integralmente digitale di derivazione Audi. Una prima assoluta per Seat.seatleonmy17-003Parola d’ordine multimedialità. Sull’onda di quanto adottato da Ateca, la nuova Leon può contare sull’ultima generazione dei sistemi d’infotainment Easy Connect e Seat Full Link, oltre che sulla gamma di applicazioni Seat Connectapp. Tecnologie che portano in dote il riconoscimento vocale e i comandi gestuali per l’attivazione delle funzioni vettura; una soluzione, quest’ultima, attivabile avvicinando semplicemente le dita al display tattile da 8 pollici al centro della plancia. Immancabile la connettività agevolata con i device portatili secondo i protocolli MirrorLink, Android Auto e Apple CarPlay, mentre sotto il profilo della sicurezza costituisce una novità il cruise control adattivo con funzione traffico abbinato al mantenimento automatico della corsia di marcia. Non mancano, infine, il riconoscimento della segnaletica stradale, l’assistenza al parcheggio e la frenata automatica d’emergenza in città.seatleonmy17-011Ai classici allestimenti Reference, Style e FR si aggiunge l’inedita versione XCellence, allineata come prezzi alla nota FR ma votata al comfort e inclusiva dei rivestimenti in pelle e Alcantara oltre che della possibilità di modificare l’illuminazione ambientale. La gamma motori, analogamente al passato, prevede potenze da 90 a 184 cv, dato che la sportiva Cupra è attesa in un secondo momento. Lato benzina debutta il 3 cilindri 1.0 TSI da 115 cv, mentre l’offerta turbodiesel ruota attorno ai 1.6 TDI da 90 o 115 cv – quest’ultimo step una new entry – e 2.0 TDI da 150 o 184 cv. Confermata la bifuel a benzina/metano 1.4 TGI da 110 cv. Nessuna variazione a livello di configurazioni di carrozzeria, dato che il restyling interesserà tanto la cinque porte quanto la SC a tre porte e la wagon ST. Trasmissioni, da tradizione, manuali a 5 o 6 marce oppure a doppia frizione a 6 o 7 rapporti. Trazione anteriore o integrale.seatleonmy17-012La nuova Leon raggiungerà le concessionarie a gennaio 2017.seatleonmy17-013