Mercedes-AMG E63 4Matic: berlina o supercar?

Le versioni high performance di Classe E vedono il V8 4.0 biturbo benzina erogare 571 o 612 cv. Potenze monstre cui si accompagnano prestazioni da urlo complice la trazione integrale 4Matic+. Differenziale autobloccante posteriore di serie.

26 ottobre 2016 - 20:10

Mercedes-AMG E63 4Matic ed E63 S 4Matic sono le Classe E più potenti mai prodotte. Nell’eterna sfida con Audi e BMW a chi realizza il “bombardone” più performante, la Casa della Stella cala l’asso, anzi una coppia d’assi, grazie a due versioni anabolizzate – e a trazione integrale – della berlina premium recentemente rinnovata.

Sotto il cofano pulsa il noto V8 4.0 biturbo 32V a iniezione diretta della benzina, al debutto con AMG GT e già ampiamente impiegato nella gamma Mercedes, portato per l’occasione agli stratosferici step di 571 o 612 cv. Quest’ultimo livello di potenza una prerogativa esclusiva della variante S. Un cuore cattivo, omologato Euro 6 e nonostante ciò pesante solo 209 kg, forte della distribuzione a doppio albero a camme in testa per bancata, di 4 valvole per cilindro, di pistoni ultra leggeri e della testa dei cilindri rifinita in zirconio per una gestione ottimale del calore, mentre le canne sono rivestite in nano molecole per ridurre gli attriti. La lubrificazione è a carter secco, mentre la coppia erogata si attesta rispettivamente a 750 o 850 Nm. Un’eruzione!

Il V8 4.0 biturbo, che pensiona il precedente V8 5.5 biturbo, è corredato della disattivazione parziale dei cilindri ai carichi parziali ed è destinato a lavorare in abbinamento alla trasmissione automatica a frizioni multidisco in bagno d’olio AMG Speedshift MCT a nove rapporti, unica opzione prevista. Nonostante la massa tutt’altro che irrilevante, entrambe le vetture si avvicinano infatti alla soglia dei 19 quintali, grazie all’AMG Driver’s Package è possibile toccare i 300 km/h di velocità massima e lo scatto da 0 a 100 km/h è degno di una supercar, dato che nel caso della vettura “base”, complice il launch control, avviene in 3,5 secondi, mentre la “gemella” S necessita di 3,4 secondi. Per rendere l’idea, una supersportiva 4WD quale la Porsche 911 Turbo S, più leggera di quasi 300 kg e accreditata di 581 cv, passa da 0 a 100 km/h in 2,9 secondi.

La trazione integrale, denominata 4Matic+, si caratterizza per la distribuzione della coppia completamente variabile tra gli assali. Una novità, al pari della modalità di guida Race riservata a E63 S e abbinabile all’inedito programma “Drift” che, disattivato l’ESP, lascia libero il retrotreno d’esibirsi in coreografici sovrasterzi. Comuni a entrambe le vetture le sospensioni pneumatiche adattive dalla taratura specifica e il differenziale autobloccante posteriore, nel caso della S a controllo elettronico anziché meccanico. S che, oltretutto, può avvalersi dei supporti motore dinamici e dei freni carboceramici, mentre la dotazione hi-tech include l’app AMG Track Pace, che permette d’analizzare e confrontare i tempi in pista interfacciandoli con le riprese video registrate mediante una GoPro, e la guida semiautonoma Drive Pilot. Dotate di un body kit specifico, le E63 4Matic saranno disponibili da gennaio 2017, nel caso della S anche nella versione lancio Edition 1.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Share Now
Smart Fortwo Cabrio in città

Alfa Romeo
Giulia Quadrifoglio
in oro per la 1000 Miglia

Salone dell’Auto di Torino 2019
Parco Valentino