Seat Leon ST 4Drive: diesel integrale

La wagon spagnola viene proposta anche a trazione integrale in abbinamento alle motorizzazioni 1.6 TDI da 105 cv e 2.0 TDI da 150 cv. Percorrenze medie comunque superiori a 20 km/l. Capacità di carico invariata rispetto alla versione 2WD

22 gennaio 2014 - 10:01

Una delle wagon più sportive. Una delle familiari più leggere. Una delle station più capienti. Ora, grazie alla trazione integrale permanente, anche una delle vetture più versatili sul mercato. Seat Leon ST è per tutte le stagioni.

La distribuzione della coppia in corrispondenza d’entrambi gli assali è garantita da una frizione multidisco idraulica Haldex gestita elettronicamente (leggi il nostro approfondimento tecnico), analoga a quanto adottato dai modelli Volkswagen 4Motion e collocata in corrispondenza del differenziale posteriore onde garantire una bilanciata ripartizione delle masse. In condizioni ordinarie i kgm sono trasferiti pressoché esclusivamente all’avantreno, mentre qualora le ruote anteriori perdano aderenza viene chiamato in causa il retrotreno.

4WD abbinate a due quattro cilindri 16V common rail sovralimentati mediante turbocompressore a gas di scarico: 1.6 TDI da 105 cv e 25,5 kgm di coppia oppure 2.0 TDI da 150 cv e 32,6 kgm. Trazione integrale che non inficia i consumi, dato che Leon ST 4Drive percorre mediamente 22,2 e 20,8 km/l anziché i 24,4 km/l appannaggio delle versioni 2WD dotate di cambio manuale a 6 rapporti. Prestazioni cui contribuiscono i sistemi Start/Stop e di recupero dell’energia in frenata. Leon ST 4Drive 2.0 TDI in abbinamento alla trasmissione manuale a 6 marce scatta da 0 a 100 km/h in 8,7” e raggiunge una velocità massima di 211 km/h, mentre la 1.6 TDI è accreditata di 12,0” e 187 km/h.

Nulla cambia quanto a capacità di carico: le versioni 4WD possono contare su 587 litri con cinque persone a bordo. Valore tra i migliori della categoria. In attesa della presentazione di Golf Variant 4Motion, punto di riferimento del segmento quanto a capienza, nessun’altra wagon a trazione integrale tiene testa a Leon ST 4Drive. È un pozzo senza fondo… anzi un pozzo con sottofondo e piano di carico ad altezza variabile. Soluzioni funzionali che si accompagnano all’abbattimento sia del divanetto frazionabile 40/60, operazione che estende la capienza a 1.470 litri, sia dello schienale del passeggero anteriore, così da stivare oggetti particolarmente lunghi.

Allestimenti Reference e Style per Leon ST 4Drive 1.6 TDI, Style e FR per la 2.0 TDI. Versione sportiva FR che, nel dettaglio, può contare sulle sospensioni adattive forti di quattro setup (Sport, Comfort, Eco e Individual) nonché, optando per il Dynamic Pack, sullo sterzo a servoassistenza elettrica variabile in funzione della velocità. Plus tecnici cui si accompagnano dotazioni degne di wagon premium quali il monitoraggio della stanchezza del conducente e il sistema d’infotainment con schermo touchscreen da 5,8”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volkswagen Golf 1974 grigia

Youngtimer – Volkswagen Golf, storia delle prime 7. In attesa dell’ottava

Volvo XC40 milano

Volvo XC40, i motivi di un successo. Test [VIDEO]

Peugeot 3008 GT Hybrid4, la variante ibrida plug-in si aggiunge alla gamma