Skoda Fabia Wagon 2015: più in largo che in lungo

Cambia pelle la wagon ceca. Più larga di 9 cm, beneficia di una linea aggressiva rispetto al passato e di una maggiore capacità di carico con 5 persone a bordo. Debutta in gamma il 3 cilindri 1.0 benzina da 60 cv. 1.4 TDI da 75 a 105 cv

10 ottobre 2014 - 14:10

Un uno-due degno del miglior Cassius Clay: dopo Fabia berlina, Skoda raddoppia e al Salone di Parigi svela la nuova versione wagon della compatta ceca.

Fino al montante centrale è possibile confonderle, come in passato. Poi tutto cambia e la conformazione famigliare prende il sopravvento, portando in dote una lunghezza superiore di 1 cm rispetto al vecchio modello a fronte di una riduzione di 3 cm dell’altezza. Ciò che cambia maggiormente, però, è la larghezza, passata da 164 a 173 cm; una variazione che gioca a vantaggio dell’impatto visivo, dell’impronta a terra, dell’abitabilità e della capacità di carico. Il bagagliaio, nello specifico, garantisce una capienza di 530 litri con 5 persone a bordo: vale a dire 25 litri in più rispetto alla precedente generazione oltre che un valore tra i migliori della categoria.

I motori, condivisi con la berlina, sono tutti omologati Euro 6. Entry level è il 3 cilindri 1.0 12V a benzina – sinora appannaggio della city car Citigo – in configurazione da 60 cv, mentre top di gamma è il noto 4 cilindri TSI di 1.197 cc a iniezione diretta di benzina sovralimentato mediante turbocompressore, in passato proposto nello step da 105 cv e ora portato a 110 cv. Pensionato il 1.6 TDI, debutta il 1.4 TDI common rail ampiamente sfruttato dal Gruppo Volkswagen con potenze comprese tra 75 e 105 cv. Nel corso del 2015 arriverà anche la variante GreenLine da 75 cv con sistema Start&Stop di seconda generazione e recupero dell’energia nelle fasi di frenata, che dovrebbe portare in dote percorrenze da… astemia totale! Ovvero una media di 32,3 km/l a fronte di emissioni di 82 g/km di CO2.

Analogamente alla rinnovata berlina, Fabia Wagon può contare sulla tecnologia MirrorLink che permette di collegare il proprio smartphone al sistema d’infotainment della vettura, così da visualizzare alcune applicazioni mediante il touchscreen al centro della plancia. Non meno moderna la funzione SmartGate che consente il trasferimento Wi-Fi dei dati del veicolo – ad esempio il consumo di carburante, la velocità media e la distanza percorsa – direttamente allo smartphone. Dotazioni distanti anni luce dalla vecchia generazione.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

nuova Honda Jazz prima foto teaser

Nuova Honda Jazz, ecco la prima immagine ufficiale

Opel
Il mercato italiano “trafitto” dal fulmine

SUV elettrici, Volvo XC40 Recharge è il primo del suo segmento