Speciale Salone di Ginevra: tutte le novità 2014

Parata di novità al motor show elvetico. Le Case costruttrici intravedono l’uscita dalla crisi e si scatenano proponendo vetture d’ogni tipo. Spopolano le versioni all terrain e sportive. Il turbo è un must. La regina del motor show? Volkswagen Golf GTE

5 marzo 2014 - 11:03

È una luce in fondo al tunnel. È un bagliore di speranza che, se alimentato, potrebbe evolvere in un vero e proprio raggio di sole. È il Salone di Ginevra. O meglio, il messaggio che la kermesse elvetica porta in dote: si può fare. È possibile tornare alla serenità economica. Forse non oggi. Magari non domani. Ma in un futuro non remoto la crisi resterà solo un ricordo. Le Case ci credono, profondamente. Non a caso quest’edizione del motor show svizzero verrà ricordata per il proliferare di sportive, coupé e cabriolet di ogni genere nonché per l’esplosione del fenomeno all terrain. Vetture nate “cittadine”, monovolume o wagon, si evolvono in varianti cross adatte al fuoristrada leggero o, più semplicemente, alla “giungla urbana”. Alcuni esempi? Le inedite Citroën C5 CrossTourer, Fiat Freemont Cross e Opel Adam Rocks, alle quali si aggiungono le nuove generazioni di classici quali Fiat Panda Cross e Volkswagen CrossPolo. Sintomo di una rinata voglia di evadere, di superare il grigiore della quotidianità tornando a credere nella spensieratezza del tempo libero.

La meccanica segue il trend inaugurato con lo scorso Salone di Francoforte, puntando decisamente alle alimentazioni alternative, ibrido ed elettrico su tutte, con alcuni timidi risvegli della tecnologia fuel cell a idrogeno. Il Re della tecnica, però, è uno solo: sua maestà il turbocompressore. Le stringenti normative sulle emissioni inquinanti, la necessità di ridurre le cubature dei propulsori e la volontà di non rinunciare alle prestazioni hanno elevato il turbo a condicio sine qua non della tecnica motoristica moderna. Facendo capitolare persino Ferrari, che dai tempi di F40 non realizzava una vettura stradale sovralimentata. La regina del Salone, però, è Volkswagen Golf GTE. La media tedesca è ibrida plug-in e grazie all’abbinamento del 1.4 TSI a un’unità elettrica può contare su 204 cv e consumi inferiori a un Ciao (quasi 68 km/l!), emettendo una quantità di CO2 ineguagliabile persino per una city car. Anima verde, cuore generoso, corpo sportivo. È la quadratura del cerchio. È il futuro.

Ecco le novità di Ginevra, una per una, marca per marca. Cliccate sulla foto per accedere alle informazioni sul modello. Lo speciale verrà aggiornato giorno per giorno con tutti i debutti in diretta dal Salone. Tornate a trovarci!

ABARTH

 

ALFA ROMEO

 

ASTON MARTIN

 

AUDI

BMW

 

 

 

 

 

CADILLAC

 

 

 

CITROËN

 

 

 

 

ERMINI

 

FERRARI

 

 

FIAT

 

 

 

 

FORD

 

 

 

 

 

 

 

HONDA

 

 

 

HYUNDAI

 

 

 

 

 

ITALDESIGN GIUGIARO

 

JAGUAR

 

 

JEEP

 

 

KIA

 

 

 

 

KOENIGSEGG

 

LAMBORGHINI

 

LANCIA

 

LAND ROVER

 

 

LEXUS

 

 

 

MASERATI

 

 

MAZDA

 

MCLAREN

 

MERCEDES-BENZ

 

 

 

 

 

MINI

 

 

 

NISSAN

 

 

 

 

 

OPEL

 

 

 

 

PEUGEOT

 

 

 

 

 

 

QUANT

 

QOROS

 

RENAULT

 

 

 

 

 

RINSPEED

 

SEAT

 

 

 

 

 

 

SKODA

 

 

 

 

 

 

SSANGYONG

 

 

SUBARU

 

SUZUKI

 

 

 

 

 

TOURING SUPERLEGGERA

 

TOYOTA

 

 

 

 

VOLKSWAGEN

 

 

VOLVO

 

 

 

 

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volkswagen Golf 1974 grigia

Youngtimer – Volkswagen Golf, storia delle prime 7. In attesa dell’ottava

Volvo XC40 milano

Volvo XC40, i motivi di un successo. Test [VIDEO]

Peugeot 3008 GT Hybrid4, la variante ibrida plug-in si aggiunge alla gamma