Subaru BRZ STI

Una Subaru BRZ più sportiva e potente? Si può fare, anzi, si farà; almeno secondo Atoshi Atake, world marketing manager della casa delle Pleiadi. E sul web impazzano le ipotesi…

Nemmeno il tempo di abituarsi a considerare la Subaru BRZ (sorella gemella della Toyota GT86) come la sportiva “alla portata” del momento, che già qualcuno inizia a pensare a qualcosa di più. Cavalli, of course… Lo ha ribadito Atoshi Atake, marketing manager a livello mondiale della casa giapponese: “sono già molte le richieste in questo senso e non è assolutamente da escludere il fatto che cercheremo di accontentarle con la versione STI”.L’ipotesi più probabile è che i tecnici Subaru cerchino di ottimizzare al massimo il sistema di aspirazione e il meccanismo di alzata delle valvole. In più non dovrebbe mancare un impianto di scarico realizzato ad hoc e la “linea rossa” che indica il regime massimo dovrebbe slittare un po’ più in là: l’ipotesi più probabile è che l’intervento del limitatore venga spostato a quota 7.500 giri al minuto).Il tutto condito con un’ adeguata taratura della centralina, impostata per raggiungere i 250 cavalli di potenza massima (che renderebbero la BRZ un po’ più di una sportiva “base”) e con un lavoro di ottimizzazione dei pesi  (sedili sportivi, cofano in CFRP). L’obiettivo? Far scendere l’ago della bilancia al di sotto dei 1.250 kg. Assetto e sospensioni? Probabilmente beneficeranno di un orientamento maggiormente racing rispetto alla versione standard.Se è quasi certo che la Subaru BRZ possa arrivare anche in versione cabrio, molte meno sono le possibilità che venga presentata  una motorizzazione diesel (esclusa categoricamente). Trazione integrale derivata dalla Impreza WRX STI? Purtroppo anche in questo caso le speranze sono poche. Purtroppo…