Suzuki Jimny Carabinieri

Suzuki Jimny e Ignis, auto ufficiali dei Carabinieri

Dieci esemplari del fuoristrada giapponese entrano nella flotta in dell’Arma, insieme a 55 Ignis

23 ottobre 2019 - 16:04

Quello dei fuoristrada è un segmento di mercato ormai per pochi, pochissimi. Tutti i marchi ormai hanno un SUV nella gamma, a breve anche Ferrari e Aston Martin, ma un 4×4 duro&puro è ben più raro. Suzuki ne ha uno storico, iconico. Si chiama Jimny e non ha perso nemmeno un briciolo della sua attitudine offroad anche dopo che si è rinnovato nel 2018.

Per le zone più difficili

Dove i SUV si fermano, Jimny passa in scioltezza. Questa sua dote le è valsa la scelta da parte dei Carabinieri nelle zone dove la mobilità è resa difficile dal fondo accidentato o dalla bassa aderenza. Per Suzuki questo è un evento, visto che è la prima volta nella sua storia che viene scelta dall’Arma.

Dotazione specifica e molto completa

Quel poco che le mancava per essere una compagna di lavoro perfetta per gli agenti, la Jimny lo riceve grazie a un allestimento specifico. Innanzitutto, la livrea bicolore prevede il classico Blu Arma e il tetto bianco. Su di esso sono montati due lampeggianti blu con tecnologia LED provvisti anche della funzione di luci di crociera e un faro di ricerca a luce bianca, che si può comandare sia dall’interno sia dall’esterno della vettura. La sirena bitonale è situata invece sotto al cofano e, sempre nella zona frontale, sono collocati due nano segnalatori a LED blu da incasso, con funzioni a loro volta di lampeggio e di luci di crociera.  L’interno si caratterizza per i tappetini in gomma e per i due supporti per le armi d’ordinanza, con blocco a chiave. Non mancano un estintore da 2 kg e un set di catene da neve.

La Ignis non è da meno

Se la Jimny è l’auto più adatta, forse al mondo, per certi percorsi impervi e angusti (una Mercedes Classe G, per esempio, è troppo grande per alcuni passaggi), la Ignis non è molto da meno. Certo le mancano le ridotte e il telaio a longheroni e traverse (il top per il fuoristrada pesante), però può comunque contare su una trazione 4×4 molto efficace, sulla leggerezza e su dimensioni ancora più compatte di quelle della Jimny. Le 55 Ignis date in dotazione ai Carabinieri sono dotate di motore 1.2 Dualjet a iniezione diretta di benzina, supportato dalla tecnologia mild hybrid. L’allestimento Carabinieri, realizzato da Focaccia Group, ricalca quello delle Jimny.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Seat Tarraco Twist in off road

Seat Tarraco 1.5 TSI

Audi Q7 TFSIe quattro

Suzuki Vitara
ora anche in versione Katana