Volkswagen Passat 2015: anche ibrida plug-in

Un classico che si rinnova. La berlina e wagon tedesca sarà più sportiva e lussuosa, forte d’inediti motori quali il 2.0 TD biturbo da 240 cv e l’ibrido benzina da 204 cv. Cresce la capienza della versione familiare. Debutto al Salone di Parigi

27 maggio 2014 - 6:05

Sarà lunga 4,77 metri! Come il modello attuale. Le dimensioni, infatti, sono l’unica cosa che non cambierà nella nuova Passat.

La berlina e wagon Volkswagen, simbolo di concretezza e sobrietà, debutterà a ottobre in occasione del Salone di Parigi e verrà realizzata sulla base della piattaforma MQB del Gruppo tedesco. Avrà interni più lussuosi rispetto al passato, avvicinando l’ammiraglia Phaéton, un abitacolo lievemente più ampio e vedrà rivoluzionata la grafica del cruscotto: i classici elementi circolari verranno sostituiti da un display a colori da 12,3 pollici. Perderà in praticità? Niente affatto. Basti pensare che la versione familiare potrà disporre di una capacità di carico di 650 litri con cinque persone a bordo contro gli attuali 603 litri. Una vera e propria piazza d’armi!

Ampia la gamma motori. I td spaziano da un 1.6 da 120 cv – l’entry level a gasolio è attualmente attestato a 105 cv –, a un 2.0 con 150 o 190 cv – al momento accreditato rispettivamente di 140 e 177 cv –, sino a un inedito biturbo di 2,0 litri da 240 cv. Quest’ultimo forte di una coppia di 500 Nm (51,0 kgm) contro i 350 Nm appannaggio del 2.0 td da 177 cv ora a listino; verrà abbinato a una trasmissione a doppia frizione a 7 rapporti e alla sola trazione integrale permanente 4Motion. Quanto ai benzina, tutti a iniezione diretta sovralimentati mediante turbocompressore a gas di scarico, sarà possibile scegliere tra un 1.4 da 120 o 150 cv, un 1.8 da 170 cv e un 2.0 da 220 o 280 cv. La vera novità è il debutto di un’unità ibrida plug-in – con batterie ricaricabili mediante la comune rete domestica – forte dell’abbinamento del noto 1.4 turbo a un motore elettrico, così da disporre di una potenza complessiva di 204 cv.

Da tradizione, il reparto sicurezza sarà particolarmente curato e non mancheranno sia dotazioni ormai divenute d’ampia diffusione quali la frenata automatica in caso di collisione imminente e il monitoraggio mediante sensori e telecamere dei dintorni della vettura, sia novità tecniche quali l’assistenza alla guida in retromarcia in presenza di un traino.

Commenti chiusi in questo articolo.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volkswagen Golf 1974 grigia

Youngtimer – Volkswagen Golf, storia delle prime 7. In attesa dell’ottava

Volvo XC40 milano

Volvo XC40, i motivi di un successo. Test [VIDEO]

Peugeot 3008 GT Hybrid4, la variante ibrida plug-in si aggiunge alla gamma