ZAVA PrometheuS
Via alla e-Revolution

Ha preso il via su Indiegogo la campagna di crowdfounding per creare PrometheuS, la rivoluzionaria Hypercar progettata dalla startup italiana Zava

5 febbraio 2019 - 19:47

PrometheuS è nata per rivoluzionare il concetto di Hypercar. Per progettarla, ZAVA  ha ripensato totalmente il modo di concepire l’auto e, grazie alla scelta della propulsione elettrica è riuscita a ridurre sensibilmente e distribuire in maniera ottimale gli organi meccanici, liberi dai tradizionali vincoli progettuali.
Qualche esempio? Per ridurre al minimo l’altezza del centro di gravità e per un’ottimale distribuzione dei pesi, il posto guida è al centro della vettura, le batterie piatte si trovano sotto il pavimento dell’abitacolo, mentre i motori e le unità di controllo sono posizionati al centro dei singoli assi, in posizione più bassa possibile. Inoltre, in considerazione della superiorità in termini di immediatezza di risposta e di progressione nell’erogazione, tipica dei propulsori elettrici rispetto a quelli tradizionali, è stato concettualmente ribaltato l’odierno principio progettuale basato sul rapporto peso/potenza, rimpiazzandolo con quello di peso/coppia, che in PrometheuS raggiunge il considerevole valore di 1:1.

Concepita grazie a know-how, design e tecnologia ”Made in Italy”, segna il debutto nel settore automotive di tecnologie neuronali inedite in grado di monitorare le condizioni fisiche del conducente e garantire l’interazione in tempo reale tra mente-vettura e tra occhio-mani-comandi, trasformando così l’auto in un prolungamento del corpo umano, attraverso una connessione più profonda tra pilota e sistemi di controllo in grado di adottare supporti correttivi attivi.

Come già visto dai concept stampati con tecnologia 3D ed esposti in anteprima internazionale alla mostra Real Bodies a Milano e alla fiera Formnext a Francoforte, il design esterno è futuristico, con forme, proporzioni e soluzioni tecniche inedite e orientate alla massima efficienza aerodinamica, quali appendici attive ispirate ai jet supersonici. Così come l’abitacolo monoposto che avvolge il guidatore, caratterizzato da un inedito cockpit in vetro apribile verso l’alto e che si distingue per tecnologie e dotazioni allo stato dell’arte in fatto di sistemi di interfaccia HMI, assistenza alla guida e infotainment: volante con display trasparente, schermi OLED, HUD tridimensionale, comandi gestuali e vocali, telecamere a 360° con sensori Laser/Lidar, connessione alla rete con tecnologia IOT 5G e navigazione live.

PRESTAZIONI DA URLO

Le specifiche e le prestazioni sono di riferimento assoluto e superiori a molte Hypercar dotate di propulsori tradizionali o ibridi: oltre 1.360 CV (1 MW) e oltre 1.600 Nm sono, rispettivamente, i valori di potenza e coppia erogati dai 4 leggeri e compatti motori elettrici con funzione torque vectoring indipendente che muovono le 4 ruote motrici e sterzanti, in grado di garantire un’accelerazione in 2 secondi netti per lo 0-100 km/h – record per un veicolo stradale – e una velocità di punta superiore ai 350 Km/h. Il tutto con emissioni allo scarico pari a zero. Le performance dinamiche raggiungono livelli simili a quelli di vetture appartenenti a categorie motorsport, come Formula 1 o WEC, per accelerazione, frenata e curva, con valori fino a 3.0 G.
Da record, per un veicolo elettrico con queste caratteristiche e prestazioni, anche l’autonomia che può arrivare fino a 500 km con una ricarica completa, ottenuta grazie all’impiego di batterie di nuova generazione, un sistema di ricarica rapida con tecnologia a induzione ma anche grazie ai 4 motori e alle speciali sospensioni attive elettriche che, in modalità rigenerazione/recupero, sono in grado di ricaricare le batterie durante le fasi di frenata, marcia a basse velocità e ammortizzazione. La produzione sarà limitata a 50 esemplari e ogni vettura sarà totalmente “tailor made”. Il cliente avrà infatti la possibilità di accedere a un programma specifico e dedicato di customizzazione pressoché illimitata che gli consentirà di creare il proprio veicolo su misura e ognuna delle 50 unità così prodotte diverrà dunque un esemplare unico, grazie a un’esclusiva garanzia di non replicabilità.

INVESTITORI CERCASI

PrometheuS nasce da un concetto nuovo: creare un veicolo che si posiziona al top per prestazioni ed esclusività, attraverso un inedito programma “open source” su cui possano confluire i desideri e i contributi fatti di passione, idee e suggerimenti di tutta la platea del web.

Inoltre, i sostenitori più appassionati al progetto ZAVA PrometheuS saranno coinvolti anche nelle fasi successive dello sviluppo, come la definizione di dettagli tecnici e costruttivi, la scelta delle varianti cromatiche degli esterni e degli interni o degli accessori disponibili; o potranno anche divenire advisor ZAVA per aiutare la start up sulle decisioni strategiche aziendali più rilevanti. Infine è prevista anche la possibilità di partecipare alle sessioni di test in pista o all’evento di reveal internazionale o di acquisire speciali diritti di prelazione sull’acquisto di stock option della società. Da semplici follower, dunque, i sostenitori del progetto diventeranno i principali ambasciatori, promotori e attori dell’iniziativa.
ZAVA Hypercars si prefigge di realizzare così la sua e-Revolution, il primo progetto automobilistico al mondo completamente “open source” con l’obiettivodi diffondere e condividere tutte le innovazioni tecnologiche introdotte su PrometheuS in modo da contribuire attivamente e a beneficio di ognuno, a rivoluzionare la mobilità di domani.
La campagna di crowdfunding avrà una durata di 60 giorni con un obiettivo di raccolta fondi pari a 150.000 euro. Per accedere alla pagina della campagna ZAVA Hypercars su Indiegogo, fare click sul link.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Volvo XC90, il SUV è a guida autonoma

Jeep Renegade ibrida plug-in, il debutto su strada al Salone di Torino

Auto elettriche e ibride, l’Italia batte un colpo