Lamborghini Huracán EVO, evoluzione da 640 cv

La potenza cresce di 30 cv, l'aerodinamica migliora di cinque volte e arrivano le quattro ruote sterzanti. A poco più di 184.000 euro, tasse escluse

8 gennaio 2019 - 12:01

In un mondo in cui il turbo la fa ormai da padrone, quando compare una nuova auto con motore aspirato c’è quasi da baciarsi i gomiti (per gli appassionati veri, s’intende). Specie se si tratta di una supercar come la Lamborghini Huracán EVO, mossa dal leggendario V10 – derivato dalla Performante – portato a quota 640 cv, 30 in più rispetto a prima, sviluppati a 8.000 giri. Conditi con 600 Nm a 6.500 giri.
EVO(luzione) in stile Performante

I tecnici di Sant’Agata hanno lavorato sulle valvole, ora in titanio, e sull’impianto di scarico, dimagrito: l’ago della bilancia della Lamborghini Huracán EVO si ferma a 1.422 kg a secco. Ciò significa uno 0-100 da 2,9 secondi, possibile anche grazie alla “presa” della trazione integrale di tipo Haldex, mentre in uscita di curva ad aiutare il pilota c’è un bel differenziale autobloccante meccanico fra le ruote posteriori. Il tutto per una “punta” massima di 325 km/h.
Piattaforma inerziale e ruote posteriori sterzanti

Ma a stupire non sono solo i numeri, pur notevolissimi, della Lamborghini Huracán EVO. La piattaforma inerziale evoluta lavora – grazie a sensori e giroscopi sparsi qua e là – di concerto con ammortizzatori magnetoreologici e trazione integrale ma, soprattutto, con le ruote posteriori sterzanti. Per nuovi orizzonti in termini di dinamica di guida. Rimangono le tre modalità (Strada, Sport e Corsa) per ritagliare su misura il comportamento di questa Lambo. Quando si tratta di fermarsi, poi, la Lamborghini Huracán EVO può contare su dischi carboceramici da 380 mm di diametro davanti e da 356 dietro, morsi da pinze a sei pistoncini davanti e a quattro dietro. Per un “100-0” da 31,9 metri.
Maggior efficienza aerodinamica

Da fuori, la Lamborghini Huracán EVO ha conquistato un paraurti inedito, con un nuovo splitter, mentre dietro sono i due grossi terminali di scarico a conquistare la scena. Notevole il lavoro svolto sull’aerodinamica: rispetto alla prima Huracán, la EVO è cinque volte più efficiente da questo punto di vista. Dentro, c’è un nuovo touchscreen capacitivo da 8,4″, gestibile anche da Siri o con Amazon Alexa e non manca la connettività Apple CarPlay. Oltre alla telemetria, con funzioni avanzate di registrazione e analisi dati.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Nissan Leaf bianca in ricarica

L’auto elettrica piace di più agli uomini che alle donne

Buon compleanno ABS!

Raduno Ford Mustang, parata da record