BMC Teamelite 2016

La Casa svizzera presenta la nuova bicicletta da crosscountry dotata di una tecnologia innovativa che rende flessibile il carro posteriore

12 maggio 2015 - 8:05

Questa è la bicicletta che il 5 volte campione mondiale Julien Absalon pedala nella Coppa del Mondo XC già da febbraio 2015: ora arriva nei negozi.

“Ad essere sincero quando ho provato la nuova tecnologia mi sono subito reso conto di aver ottenuto un compromesso” ha dichiara Absalon; “Sono convinto che vada in salita come la bici dell’anno scorso ma che dia un tangibile extra in discesa, cosa di cui avevamo assolutamente bisogno. Sono estremamente contento di questo avanzamento!”

L’innovazione tecnologica descritta dal campione francese ha un nome: MTT, acronimo di Micro Travel Technology, soluzione che concede flessibilità verticale al carro posteriore. Il sistema funziona tramite un elemento ammortizzante chiamato Xcell, ricavato da una speciale gomma (simile a quella utilizzata dalla Specialized Roubaix?) e integrato nel telaio attraverso una doppia guida.


Il risultato, a detta di chi ha già avuto l’opportunità di guidarla, è che la bici mantiene la rigidità laterale e torsionale (e quindi precisione di guida ed efficienza della pedalata) ma guadagna 15 mm di escursione per affrontare anche le discese più tecniche.

La ciliegina sulla torta della nuova top di gamma BMC per le gare di crosscountry è che nonostante il nuovo materiale e la necessaria bulloneria, il peso totale del telaio resta fermo a 1.080 grammi, come la precedente Teamelite, grazie all’evoluzione della fibra di carbonio impiegata. Tra le novità 2016 c’è anche il retrotreno della bici che da oggi è dotato di un più robusto asse a perno passante da 142 mm. Confermati rispetto al modello 2015 la scelta dei cavi integrati e delle ruote da 29”.

 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Yamaha PW CE, per pedalare leggeri

Le migliori e-Road per scalare ogni salita

Estate 2020: pedalare sugli Hero Trails