BMC Urs, il Gravel arriva dalla rete

La prima Gravel firmata BMC porta in dote tutta la tecnologia del brand ed è stata disegnata con l'aiuto di una community virtuale.

27 agosto 2019 - 18:30

Urs è il nome tipicamente svizzero con cui BMC ha voluto battezzare la sua prima Gravel e lo si trova nascosto nella parola UnReStricted“senza limitazioni”. Urs è infatti una piattaforma dedicata a tutto ciò che sta tra il backcountry  senza limiti e le gare Gravel più estreme, quello che il marketing rossocrociato ha ribattezzato Gravel+.

APPROVATA DALLA COMMUNITY

Con il lancio della Urs, BMC ha esplorato contesti nuovi, sia in quanto a segmento (è la prima gravel di Mart Otten) sia in quanto a innovatività dell’approccio: a decidere le sorti del prototipo messo in strada dai progettisti è stato infatti il WEB, attraverso la piattaforma Open Innovation di ISPO. Come? Selezionando tre rider per un programma di test, durato molti mesi, in sella al prototipo della Urs, finalizzato alla raccolta dei loro giudizi e consigli prima del lancio ufficiale della bici.

OBIETTIVI COMUNI

Nel corso dello sviluppo, i progettisti BMC hanno seguito tre strade, per soddisfare le richieste di tre principali utenti: gli agonisti ambiziosi, gli avventurosi macinachilometri, i cicloturisti viaggiatori. Ad accomunarli, la necessità di comfort e di grande trazione. Risultato: telaio e forcella in fibra di carbonio con layup specifico per Gravel, reggisella con sezione D-Shaped e soluzione Micro Travel Technology (MTT) sui foderi per garantire sia assorbimento strutturale sia 10 mm di escursione posteriore. Anche la geometria, denominata Gravel+, è studiata ad-hoc ed è caratterizzata da un angolo sterzo aperto (70°) e un reach generoso abbinato a un attacco manubrio corto (55 o 70 mm) per ottimizzare controllo e risposta.
Inoltre, la Urs ha un passaggio ruota che permette di montare pneumatici fino a 45 mm di sezione.

DETTAGLI DI STILE

Da BMC ci attendiamo sempre finiture di livello e grande cura del dettaglio, richiesta che anche sulla Urs è rispettata. Per esempio, ci sono protezioni per i piedini dei foderi della forcella, per la zona del movimento centrale, tre attacchi per portaborraccia, compatibilità con reggisella telescopico e forcella ammortizzata Fox 32 SC SX; per i più avventurosi c’è la possibilità di personalizzarla con portapacchi, borse, è previsto un passaggio cavi nel mozzo per la dinamo e un pratico parafango sottosella.
Urs è disponibile sia come frame kit sia come bici completa, in quattro taglie e quattro differenti montaggi, con ruote e pneumatici tubeless e monocorona come unica opzione

Caratteristiche tecniche

Kit Telaio

Telaio: URS Premium Carbon, Micro Travel Technology (MTT), Tuned Compliance Concept (TCC) Gravel
Forcella: URS Premium Carbon, TCC Gravel
Reggisella: flessibile URS Premium Carbon “D”
Taglie: S, M, L, XL
Peso telaio: 1.050 g (taglia M)
Peso forcella: 550 g (non tagliata)

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

T°RED Horkokhan, stayer del XXI secolo

Milano Bike City 2019

rh+, dalla testa ai piedi