Campagnolo Bora Ultra 50

C'è un termine che si sente spesso utilizzare da chi si dà un tono nel mondo del marketing: è "benchmark", che in inglese sta a indicare qualcosa che è preso come riferimento, come esempio da seguire. Se ancora non è chiaro pensate alle Bora Ultra 50 e capirete...

23 marzo 2015 - 19:03

Innovare un prodotto che per anni è stato visto come il riferimento può sembrare un’operazione difficile e rischiosa. Il segreto del successo è riuscire a mantenerne le caratteristiche di unicità, ottimizzando e adeguando nel contempo le prestazioni alle richieste sempre più esigenti degli appassionati.

I designer del Campy Tech Lab così hanno fatto, migliorando la maneggevolezza e la precisione che hanno fatto di queste ruote ad alto profilo un esempio in quanto a direzionalità, prestazioni e sicurezza. La scorrevolezza è sempre quella proverbiale assicurata dai cuscinetti CULT.

Le nuove Bora Ultra 50 arrivano sul mercato non solo con l’introduzione di una ruota specifica per copertoncini ma soprattutto con tante migliorie che riguardano peso, aerodinamica, rigidità e comfort ottenute grazie al nuovo profilo dei cerchi, più larghi, e ai mozzi di diametro maggiore. Inoltre, poiché anche l’occhio vuole la sua parte, le nuove grafiche hanno un look molto pulito e sobrio.

Ogni ruota è assemblata a mano da un tecnico specializzato Campagnolo e controllata in ogni dettaglio con l’aiuto di strumenti di precisione, per garantire sempre il massimo delle prestazioni e dell’affidabilità. Chiudiamo con i pesi, argomento assai caro a molti e indispensabile se si vuole fare bella figura con i compagni di uscite: 1.215 grammi per la versione da tubolare e 1.435 per quella da copertoncino.

 

CARATTERISTICHE TECNICHE

Nuovo cerchio full carbon per tubolare e copertoncino da 24,2 mm: elevato comfort e massima resa aerodinamica per alloggiare anche i nuovi standard delle coperture. Grande rigidezza laterale e reattività.

Sistema esclusivo di stampaggio: la superficie è priva di imperfezioni e non è più necessaria la verniciatura, con conseguente risparmio di peso.

Trattamento 3Diamant della pista frenante: questo processo di lavorazione elimina la necessità del rodaggio, migliora le prestazioni complessive dei freni e permette una frenata più progressiva e costante.

Rdb™ rim dynamic balance: sistema che garantisce il bilanciamento perfetto del cerchio anche alle alte velocità.

Raggiatura esclusiva G3: garantisce un miglior equilibrio delle tensioni dei raggi sui due lati della ruota; il lato destro ha un numero doppio di raggi di quello sinistro; il posizionamento permette di ridurre le sollecitazioni, aumenta le rigidità trasversale e la trasmissione della potenza.

Pattini freno dedicati per ruote in carbonio: la nuova mescola incrementa le prestazioni di frenata di circa il 40% sul bagnato e del 20% su asciutto, senza aumentare l’usura del pattino. La frenata, inoltre, risulta molto più gestibile e sicura.

Raggi a profilo aerodinamico: favoriscono la massima penetrazione all’aria.

Mozzo in fibra di carbonio: grande rigidità laterale e riduzione del peso.

Flangia oversize: maggior rigidezza torsionale e reattività.

Sistema cuscinetti CULT: possibilità di registrare facilmente sfere/cuscinetti, riduzione dei possibili giochi con conseguente precisione di funzionamento e mantenimento delle prestazioni.

Perno in alluminio: riduce il peso della ruota.

Nipples in alluminio auto-bloccanti

Bloccaggio: nuovo bloccaggio a profilo aerodinamico ridisegnato e alleggerito. La chiusura con sistema eccentrico permette di modulare la forza necessaria per l’azionamento della leva e di avere una maggiore sensibilità per trovare la corretta chiusura del bloccaggio.

Per maggiori info e schede tecniche, vai al sito

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Giant in Sardegna con FH Academy

Transcontinental Race 2019

Italian Bike Festival 2019