Il 2016 di Scott ha tre dimensioni ed è “Plus”

Scale, Genius, Genius LT ed E-Genius sono i quattro modelli che sposano la filosofia Plus e calzano cerchi maggiorati e gomme da 2.8"

30 agosto 2015 - 17:08

Se fino a pochi mesi fa il mondo della Mtb era bidimensionale, la sua evoluzione continua e inarrestabile ci obbliga oggi a guardarlo attraverso gli occhiali in 3D per poterne di nuovo delineare i confini.

Le sue dimensioni sono infatti tornate a essere tre, come prima della scomparsa (meglio dire del superamento…) di quella che per gran parte della sua storia era stata l’unica.

Parliamo di ruote, naturalmente. Poco dopo la sua nascita la Mtb ha camminato sulle ruote da 26″ e, con poche lungimiranti eccezioni, tutti pensavano che fosse la soluzione migliore. Poi la riscoperta e la definitiva consacrazione delle 29″, il massimo in quanto a inerzia e capacità di superare gli ostacoli, quindi le 27,5″ che garantiscono maggior agilità e accelerazione. Il capitolo Fatty lo considererei a parte, sebbene la terza dimensione affondi le sue radici proprio qui.

La soluzione che sta facendo drizzare le antenne agli appassionati nasce proprio dai vantaggi dati della dimensione della gomma più che del diametro della ruota, e ha portato a calzare coperture di sezione generosa (siamo intorno ai 3″) su cerchi più larghi. In gergo si chiama Plus e l’interpretazione di Scott la vede composta da cerchi da 27,5″ e gomme da 2,8″; l’azienda ci crede al punto di proporla su un’ampia parte della gamma: hard tail, full suspended, full long travel e anche e-bike.

Nello specifico i modelli che dal 2016 calzeranno pneumatici 27+ sono Scale 710, Genius 700 Tuned, Genius LT 700 Tuned ed E-Genius 710, nelle specialità Cross Country, Trail ed Enduro. Naturalmente l’operazione ha portato con sé un profondo lavoro di rivisitazioni di telai e geometrie e una collaborazione diretta con Syncros e Schwalbe, per ottenere il miglior connubio tra i componenti.

Da Syncros arrivano i cerchi TR1.5 27,5″ Plus con canale da 40 mm, che permettono alla gomma larga di lavorare molto meglio, mettendo più impronta sul terreno e garantendo maggior precisione, stabilità e tenuta laterale. Inoltre, grazie alla maggiore luce offerta dal carro, i cerchi montano mozzi con il nuovo standard Boost introdotto da Sram con battuta da 148 mm e flange allargate di 6 mm, numeri che si traducono in una ruota nettamente più rigida. Vale lo stesso discorso all’avantreno, dove il mozzo ha battuta da 110 mm e campanatura aperta di 10 mm.

Le gomme, come già anticipato, sono le Schwalbe Nobby Nic da 2,8″, misura preferita ai 3″ di altre soluzioni perché più maneggevole e precisa. Rispetto alle stesse coperture nella misura 2.35″ queste coperture possono essere gonfiate a 1 bar anziché 1,7 bar e, a fronte di una resistenza al rotolamento che aumenta solo dell’1%, regalano il 21% in più di impronta a terra, una trazione sensibilmente migliore e minor facilità di pizzicare.

Per i fanatici dei numeri il diametro esterno dell’accoppiata Syncros/Schwalbe 27,5″ Plus equivale a quello di una comune ruota da 29″ che monta una gomma da 2,3″ e anche il peso delle due soluzioni è molto vicino.

Era importante nel momento della progettazione riuscire a conservare una geometria che non penalizzasse il comportamento dinamico delle biciclette, ossia la loro agilità e reattività. Il risultato dovrebbe all’altezza delle aspettative, grazie a un carro molto compatto con foderi bassi e corti; anche i pesi sono eccellenti: 12,3 kg per la Genius, 12,7 kg per la Genius LT, 11,8 kg per la Scale e 21,8 kg per la E-Genius.

A qualcuno piace Plus e noi siamo fra quelli.

 

Per info e schede tecniche vai al sito Scott

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

T°RED Horkokhan, stayer del XXI secolo

Milano Bike City 2019

rh+, dalla testa ai piedi