KOO figlio di Kask

È il nuovo brand creato da Kask e focalizzato, per ora, sugli occhiali da bici. Lenti Zeiss, dodici varianti cromatiche, compatibilità perfetta con i caschi della casa madre e rigorosamente Made in Italy...

5 ottobre 2016 - 19:10

Dal casco all’occhiale il passo è breve e il giovane brand italiano lo ha appena compiuto… La prima collezione nata sotto il segno di KOO (acronimo di Kask Optics) si chiama Open ed è stata realizzata per adattarsi alla perfezione alle forme dei caschi dalla cui costola sono stati generati. Il fiore all’occhiello sono le lenti, ossia l’elemento fondamentale in un occhiale, che sono firmate Zeiss e prevedono tre versioni (chiara, scura e fotocromatica).

La cura per i dettagli è uno dei punti fondamentali e si nota in molti particolari. L’ampiezza del nasello è regolabile in due posizioni e il particolare snodo delle aste, oltre a consentire di ripiegarle in modo da non toccare le lenti e da occupare meno spazio, permette, grazie al sistema Airflow Active System, di inclinare in tre differenti angolazioni le lenti stesse per ottenere una visione sempre ottimale e un’areazione sempre efficace. La montatura degli Open è costruita in policarbonato, prevede dodici combinazioni cromatiche e la sostituzione delle lenti è rapida e facile grazie al pratico blocco laterale che le mantiene in posizione. Fa piacere sapere che ogni singolo componente è Made in Italy…
La confezione comprende due lenti (chiara e scura) e un nasello più piccolo, il prezzo è 199 euro e la commercializzazione è prevista a partire da Natale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Milano Bike City 2019

rh+, dalla testa ai piedi

Con Bosch alla Top Dolomites