Melandri e Gaerne, accoppiata da trofeo

“Enter into the History”: due ruote ma niente motore per Marco Melandri, che ha tenuto a battesimo la 18esima edizione del Gaerne MTB Trophy

3 febbraio 2015 - 9:02

Cortesia, cuore, energia. Tanta energia… Sono queste le sensazioni che si percepiscono nel campione Marco Melandri che ha tolto la tuta di pelle, indossato la divisa da biker e pedalato sul percorso del 18° Gaerne MTB Trophy.

“Collaboro con Gaerne da due anni – dice Marco – e apprezzo molto il clima familiare e di partecipazione nello sviluppo dei prodotti. Mi trovo molto bene anche quando indosso le scarpe da bici. Forse non tutti lo sanno, ma la mia carriera sportiva è iniziata con una BMX, inoltre, buona parte del mio allenamento si svolge in bici. Amo molto stare all’aria aperta e pedalare sulle mie colline: percorro circa 4.000km all’anno, prevalentemente in sella alla bici da strada perché la trovo più rilassante. Ho partecipato anche a qualche edizione della “9 Colli”, ma ora non posso più farlo per ragioni di contratto. Nel tempo, ho avuto il piacere di conoscere campioni come Pantani, Nibali e Pozzato e quando posso vado volentieri a seguire alcune tappe del Giro e la Milano-Sanremo”.

Il Trofeo, figlio della passione per lo sport di Ernesto Gazzola (mister Gaerne) e organizzato dal MTB Club Gaerne, è ormai diventato uno degli eventi più apprezzati del territorio e uno dei fiori all’occhiello della provincia di Treviso. Inoltre, grazie al terreno che l’amministrazione ha messo a disposizione del Club, sarà realizzato un campo scuola per avvicinare i giovani alla mountain bike.

Alla fine della conferenza stampa di presentazione della 18esima edizione della gara, Marco ha autografato la nuova divisa del MTB Club Gaerne e ha ricevuto un paio di scarpe G-Syncro, personalizzate con il suo numero di gara, il 33, e la sua mascotte, il riccio.

A Maser i motori sono ormai accesi e il 14-15 marzo si aprirà il gas!

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

T°RED Horkokhan, stayer del XXI secolo

Milano Bike City 2019

rh+, dalla testa ai piedi