Scott E-Spark 2017

10 maggio 2017 - 16:05

L’ombelico del mondo bike si sta spostando e nelle sue orbite più interne si muovono sempre più e-Mtb, come la Scott E-Spark. Sono biciclette che di stagione in stagione diventano più raffinate, performanti e specifiche e che si stanno ritagliando spazi in nicchie di utilizzo ben definite, ossia Trail e All-Mountain.
Scott è una della Case più attive in questo settore e ogni anno rinnova almeno i pezzi più pregiati del catalogo.
Dalle Olimpiadi
Grandi aspettative erano riposte sulla Scott E-Spark, discendente diretta della bicicletta che ha vinto due ori alle Olimpiadi e che, ai comandi di Nino Schurter, detta legge sui circuiti di XC. Aspettative soddisfatte con un progetto completamente nuovo, dallo schema della sospensione alla geometria, al motore stesso.

Un mix di innovazione, tecnologia e design ispirato dalla filosofia di creare una e-bike partendo da un foglio bianco, facendo ricorso alle migliori tecnologie per venire incontro ai bisogni dei rider. Un mix che ha dato alla luce la Scott E-Spark, la e-Mtb che per Scott rappresenta un nuovo riferimento.

Motore Shimano
Grazie al leggero e compatto motore Shimano e alla batteria integrata, i tecnici hanno potuto ridisegnare tutto ciò che fino allo scorso anno caratterizzava la E-Spark, ricorrendo alla sospensione single-pivot rocker link, ritenuta ottimale non solo per realizzare un telaio leggero e rigido, ma anche per avere un comportamento efficiente ed efficace, e un sistema che richieda poca manutenzione. Il ricorso a componentistica espressamente dedicata alle e-Mtb, come le sospensioni Fox ottimizzate per e-Mtb, e la decisione di montare solo gomme Plus su tutti e quattro le versioni in gamma completano la visione alla base del progetto.
Leggerezza
Ridurre l’impatto di motore e batteria per poter scegliere le soluzioni ottimali al piacere di guida è stato il punto fermo nello sviluppo della Scott E-Spark e la scelta di affidarsi al motore Shimano è da leggere in questo senso: leggerezza, possibilità di contenere le misure del carro e disegnare geometrie ottimali per la sua destinazione di utilizzo, ossia il Trail. Rispetto alla versione precedente l’angolo sterzo è di 1,5° più aperto (67,5° il che significa più stabilità e sicurezza sul ripido), quello sella 0,8° più chiuso (per una pedalata più efficiente) e la lunghezza dei foderi bassi scende drasticamente da 488 mm a 448 mm (sulla Spark sono 438 mm), un ottimo compromesso fra trazione e maneggevolezza.

In sintesi
Nuovo telaio con possibilità di montare un porta borraccia, nuova sospensione posteriore con escursione da 120 mm, nuovo motore Shimano STEPS E-8000 (con sensore di velocità nel disco posteriore), batteria da 500wh integrata nel tubo obliquo, forcella FOX 34 con escursione di 130 mm, monoammortizzatore FOX Nude Trunnion, trasmissione Shimano XT-DI2 11 velocità, gomme Maxxis da 27,5″ x 2,8″ dal disegno aggressivo, disponibile anche in taglia XL.
La gamma Scott E-Spark comprende tre modelli uomo, che differiscono per livello di componentistica, e uno donna: E-Spark 700 Plus Tuned (al top del catalogo, 6.999€), E-Spark 710 Plus, E-Spark 720 Plus, E-Contessa Spark 710 Plus.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Giant in Sardegna con FH Academy

Transcontinental Race 2019

Italian Bike Festival 2019