Mick Schumacher e altri figli d’arte nella storia del motorsport

Con il debutto di Mick Schumacher in F1, si riaccende “la sfida” tra padre e figlio. Ripercorriamo alcuni duelli del passato e non

PAPÀ TI HO BATTUTO

JACQUES VILLENEUVE – GILLES VILLEUVE

Ok, in molti potrebbero storcere il naso nel leggere questo, ma Jacques è stato in grado di “battere” il padre Gilles. Effettivamente sulla carta è così, dato che Jacques è riuscito a conquistare il suo unico titolo nel ’97. Impresa purtroppo mai riuscita a suo padre: l’incidente che gli costò la vita al Gran Premio di Zolder (Belgio) nel 1982 avvenne proprio nella sua stagione migliore.

Gilles Villeneuve

Gilles, soprannominato l’aviatore, era sicuramente un pilota molto amato dai tifosi della Ferrari e decisamente sopra le righe, detentore anche di un particolare record lontano dai cordoli della pista. Ai tempi della Ferrari il pilota canadese viveva con la sua famiglia a Montecarlo e per recarsi a Maranello utilizzava una Ferrari 308 GTS, con la quale segnò un tempo di percorrenza Montecarlo – Maranello impressionante: 2 ore e 25 minuti per 435 km con una media di 220/230 km orari.

MAX VERSTAPPEN – JOS VERSTAPPEN

Max Verstappen

Nonostante il figlio non abbia ancora superato il padre nel conteggio dei mondiali 0-0, è già riuscito a farlo per quanto riguarda le vittorie con uno schiacciante 10-0. Numeri che potrebbero non fare impressione, se non fosse che Max abbia davanti a sé una lunga carriera. Sarà stata l’educazione “pacata” impartita dal padre Jos a far si che il figlio si presentasse al mondo della Formula Uno come un predestinato?

NICO ROSBERG – KEKE ROSBERG

Nico Rosberg

In questo caso siamo di fronte ad un pareggio se si guardano i mondiali conquistati da entrambi (1-1). Sul fronte delle vittorie però il figlio Nico batte il papà Keke per 25-5. Il motivo – non secondario – per il quale riteniamo giusta questa “valutazione” è il fatto che il mondiale conquistato da Nico è stato un mondiale molto impegnativo (fortuna a parte), in quanto il tedesco è stato in grado di battere Lewis Hamilton, il pilota più vincente degli ultimi anni, a parità di macchina.

STEFAN EVERTS – HARRY EVERTS

Stefan Everts

Una vittoria non così scontata se si pensa che papà Harry era già in possesso di quattro titoli mondiali quando suo figlio Stefan iniziò a gareggiare da professionista. Beh se come vittoria non era scontata, se non altro è stata più che eclatante, Stefan infatti è riuscito ad aggiudicarsi ben 10 titoli mondiali nel corso della sua carriera, diventando così il pilota di motocross più vincente di sempre.

VALENTINO ROSSI – GRAZIANO ROSSI

Il caso più lampante dell’allievo che batte il maestro è sicuramente quello di Valentino e Graziano Rossi. Graziano che ha vinto relativamente poco nella sua carriera da pilota motociclistico, ha potuto comunque togliersi la soddisfazione di crescere il pilota più vincente dell’era moderna del motociclismo. Parlando di mondiali vinti il risultato è di 9-0 a favore di Valentino, il quale – nonostante i suoi 42 anni – sarà presente anche nel 2021 sulla griglia di partenza della MotoGP.

Valentino Rossi

La vera vittoria di Valentino non è solamente nei confronti del papà Graziano, ma un è nei confronti di un po’ tutti i piloti professionisti: il numero 46 non solo è il pilota più amato e seguito al mondo, ma ha anche fortemente contribuito – soprattutto in Italia – a rendere famoso questo sport e a far si che venisse seguito anche da chi non era un appassionato sfegatato.